Utente 299XXX
Chiedo un consulto perchè ho avuto disturbi del sonno un poco particolari dei quali non ne ho mai parlato con il mio medico curante, scioccamente.

Molto frequenti in passato (anni fa), man mano meno frequenti fino ad arrivare ad una totale assenza di problemi del genere da mesi a questa parte (forse anche un anno).

Non ho mai saputo dare una risposta a questi episodi:

Coricandomi, nel momento in cui il mio corpo si lasciava andare al sonno, e perdeva cognizione di spazio e tempo, accusavo come delle sensazioni di forte elggerezza partirmi dal torace/sterno. Come sensazioni credo simili allo svenimento (seppur io non sia mai svenuto nella mia vita).

A queste ripetute sensazioni di leggerezza accompagnate a momenti in cui mi pareva che mi mancasse l'aria, si aggiungeva un secondo momento.
Praticamente ero cosciente in quanto potevo ragionare con la mia mente e rendermi conto di quello che mi stava succedendo, ma non riuscivo improvvisamente a muovere piu il corpo.
Come se fossi stato in una paralisi: non riuscivo neanche ad aprire gli occhi o la bocca per quanto sforzo potessi impiegare per farlo.

Questo secondo momento di "paresi" era accompagnato da un ronzio assurdo alle orecchie e battito cardiaco alla testa (cioè sentivo il cuore battermi alle tempie).

Ora queste cose mi succedevano indistintamente e d'ingerno, e d'estate.. in momenti in cui da sveglio non accusavo alcun mancamento.. per questo sono sempre stato certo di non poterle ricondurle a pressione bassa (anche controllata in quei casi) o a mancanza di zuccheri!

Alcune volte ho anche deciso di alzarmi dopo questi episodi e di andare a prepararmi abbondanti cibarie, dolciumi o acqua e zucchero ma al ricoricarmi si ripresentavano nel giro di pochi minuti.

Quanto durassero i momenti di "paresi" non so dirlo.. ma credo pochi secondi, da quello che percepivo mentalmente: magari al massimo 10 secondi.

Di cosa poteva trattarsi?
Grazie per l'ascolto.

(sembra che mi sia cimentato in un racconto di fantascienza, ma è tutto vero!)

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

il Suo racconto non sa per niente di fantascienza, si rassicuri. Gli episodi che Le sono accaduti rientrano nel gruppo delle parasonnie. La prima parte del "disturbo" potrebbe essere un'allucinazione cosiddetta "cinetica" che quando si presenta all'addormentamento viene detta "allucinazione ipnagogica". La seconda fase è definita "paralisi da sonno", anche in questo caso "ipnagogiche" perchè si verificano durante il passaggio dalla veglia al sonno. Dal 15 al 40% degli giovani sotto i 30 anni riferisce di avere provato almeno una volta nella vita la paralisi da sonno. In genere l'esperienza è terrifica e sembra arrestarsi anche la respirazione mentre in realtà la funzione respiratoria è intatta. In genere regrediscono spontaneamente come nel Suo caso.

Cordiali saluti