Utente 168XXX
Ho 35 anni. Soffro di extrasistole dalla seconda gravidanza, dal primo holter non è emerso nulla di rilevante, poche extrasistole isolate, una sola ventricolare; analisi tiroide nella norma. Fatto un secondo holter a un anno di distanza per ripresa disturbi, soprattutto per la frequenza elevata.
Risultato: Ritmo sinusale con scarsa variazione circadiana frequenza cardiaca. Rara extrasistolia sopraventricolare con alcune coppie. No aritmie ventricolari, non significative modificazioni del tratto ST-T. Non alterazioni del tracciato durante la sintomatologia di affanno riferita. Frequenza media 89, giorno 96 notte 79. No pause no brachicardia ma 97 battiti mancati.
Mi devo preoccupare per questi battiti mancati che non erano mai stati registrati nell'holter precedente? E soprattutto per la quantità che mi pare elevata. Durante la registrazione non ho avvertito sintomi particolari. Di solito percepisco le extrasistole prevalentemente a riposo, mai sotto sforzo.
Sono un soggetto tendenzialmente ansioso, poi adesso sto vivendo un momento critico perché con due bimbi molto piccoli mi trovo in fase di separazione da mio marito. Inoltre soffro di frequenti episodi di gastrite e reflusso, per ora non curati energicamente perché sto ancora allattando un bimbo di 15 mesi. Sto prendendo Arvenum per varici arti inferiori e fragilità capillare. Sono in sovrappeso, colesterolo a 198, trigliceridi nella norma. Ho abolito caffè, thè, mai fumato, glicemia nella norma. Familiarità per problemi cardiocircolatori in famiglia materna.
Vorrei tanto trovare una causa a queste palpitazioni ma non se ne viene a capo, mi dicono che è solo ansia, ma le ho avute anche in periodi in cui non mi pareva di essere sotto stress. Che cosa mi consigliate?

Altra cosa: ho fatto l'esame tra sabato e domenica, quindi diciamo relativamente a riposo, senza sforzi significativi. Però avendo due bimbi piccoli è stato difficile tenerli lontani dai fili e di notte il piccolo mi ha staccato uno dei sensori, non so per quanto tempo, me ne sono accorta al mattino. Questo può aver influito sulla registrazione dei battiti mancati? Forse sarà il caso di ripetere l'esame? Grazie infinite.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente:
I battiti mancanti, (che non sono in numero particolarmente elevato come lei crede), non hanno mai creato pause patologiche per cui al momento non ci sono preoccupazioni rilevanti.
Il distacco di un elettrodo non pare aver inficiato il risultato, altrimenti il refertante lo avrebbe segnalato.
Ritengo comunque sia utile eseguire una valutazione cardiologica per cercare di capire, se possibile, la causa dei battiti mancanti ed eventualmente rimuoverla, per poi eseguire, a discrezione del cardiologo che avrà la possibilità di visitarla, dei controlli seriati nel tempo.
A disposizione per ulteriori consulti
[#2] dopo  
Utente 168XXX

Iscritto dal 2010
Grazie per la rapida risposta! Il numero di battiti mancati in effetti mi aveva spaventato...
Ho già fatto una visita cardiologica a luglio, non è emerso nulla a parte questa frequenza inspiegabilmente elevata. Già mi era stata rilevata nella prima gravidanza nel 2005, ma è sempre stata attribuita allo stato interessante. Il medico mi aveva già anticipato che avremmo fatto anche un' eco per sicurezza e che sarà necessario in mancanza di patologie riuscire a controllare l'ansia anche tramite farmaci. Farò a breve una nuova visita. Grazie ancora.