Utente 168XXX

buongiorno,
dopo un anno di tentativi, ho deciso di fare uno spermiogramma per capire se esistavano dei problemi legati a me visto che a mia moglie ha detto la ginecologa che era tutto ok.
Dopo 6 giorni di astinenza, ho fatto l'esame presso un ospedale.
Nell'esito (i parametri usati sono quelli secondo i world helath organization 2010) sono:
volume eiaculato: 5,5 ml. PH 7,6. Colore giallastro, viscosità e odore normale. Coagulo presente, liquefazione dopo 20 minuti.
Numero spermatozoi per eiaculato 77 milioni, per ml. 14 milioni. Cellule rotonde 200.000. Spermatozoi mobili 20%, mobilità progressiva 17%, mobilità non progressiva 3%, immobili 80%.
Forme normali 4%, forme abnormi 96% con anomalie di testa 76%, anomalie trato intermedio 12%, anomalie di coda 8%.
totalità spermatozoi mobilità progressiva ml. 2.380.000, tot. spermatozoi motilità progressiva per eiaculato 13.090.000.
La domanda è questa: il 4% di forme normali è molto basso. Posso sottopormi a qualche cura? Può avere una causa curabile questa percentuale? Anche per la fecondazione in caso la percentuale è molto bassa (almeno da quanto letto in internet).
Mi può dare un suo parere?
Io e mia moglie siamo distrutti da questa notizia.
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,indubbiamente,lo spermiogramma e' deficitario,particolarmente per quanto riguarda i parametri qualitativi (motilita' e morfologia degli spermatozoi).L'esame non permette,in alcun caso,di formulare una diagnosi andrologica che va posta da uno specialista con certificate esperienze nel campo della biologia della riproduzione,che,nella Sua citta',e nel nostro Forum, non mancano.Eviti banalizzazioni e semplificazioni legate al forte desiderio di maternita'/paternita' e ci aggiorni in seguito.Cordialita'.