Utente 161XXX
Ho letto la seguente risposta data dal Dr Tidu ad un altro utente "un numero corposo di studi ha indicato che prendere la cardiospirina a scopo profilattico non fa il bene del paziente perchè il rischio di emorragie anche gravi risulta superiore ai benefici. Diverso il discorso se fosse dimostrata una malattia coronarica"
Io assumo cardioaspirina e mi sono preoccupata anche perchè il medico di famiglia, che me l'ha prescritta, non mi ha parlato di effetti collaterali. Vi presento quindi la mia situazione per capire se in base alle vostre esperienze ed agli studi citati sopra, rientro nei casi in cui è consigliato prendere la cardiospirina.
Da anni soffro di pressione e colesterolo alti, tenuti sotto controllo con medicine, attualmente olpress e simvastatina. Nel 2008 ho perso conoscenza,mi hanno portata al pronto soccorso e ricoverata per una settimana in cui mi è stata somministrata eparina sodica e coumadin. Non è stata cercata o non è stata trovata la causa dell'embolia. Dopo un giorno di ricovero,hanno fatto un ecodoppler venoso delle gambe ed è risultato a posto. Sulla lettera di dimissione c'è scritto:microembolia polmonare dei rami subsegmentari sovrabasali bilaterali. Mi è stato prescritto coumadin. Dopo sei mesi, il cardiologo mi ha detto di smettere cumandin senza prescrivermi ulteriori medicine. Al controllo dopo un anno, anche il secondo cardiologo non mi ha prescritto nulla.
Da un'ecocardiografia doppler cardiologico fatta all'inizio di quest'anno risulta: cardiopatia ipertensiva. Prolasso valvolare mitralico ed insufficienza mitralica associata, di grado lieve. Insufficienza tricuspidalica lieve.
Nei mesi scorsi ho fatto un ecodoppler tronchi sovraaortici, dal quale risulta:l'esame dei vasi epiaortici evidenzia un ispessimento parietale diffuso con placche ipercogene debordanti nel lume. Le placche sono più evidenti su entrambe le biforcazioni carotidee e sulla rispettiva carotide interna. Sulle biforcazioni carotidee sia destra che sinistra una placca assume spetto grossolanamente circolare e si estende anche sulla carotide interna dove provoca una stenosi massima del 45%. Si segnala l'ipoplasia dell'arteria vertebrale destra, diametro trasversale massimo di 2 mm.
Sempre nei mesi scorsi ho fatto una tac della testa, dalla quale risulta:ipodensità della sostanza bianca bilateralmente come da esiti vascolopatici cronici; lievemente dilatati gli spazi liquorali periencefalici.
Qualche mese fa, il medico di famiglia mi ha prescritto la cardiaspirina, una al giorno da prendere per sempre.
Ora, alla luce di quanto letto, mi sono preoccupata perchè non sapevo nulla dei rischi di emorragie che provoca la cardioaspirina. Inoltre i due cardiologi che mi hanno visitata non me l'avevano prescritta. Ultimamente ho notato che a volte mi si formano dei lividi. Vi chiedo quindi se in base alle vostre esperienze ed agli studi citati sopra, rientro nei casi in cui è consigliato prendere la cardiospirina? Grazie mille
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente:
Nel suo caso c'è indicazione a prendere l'aspirina anche con la frequente formazione di ematomi poichè nella sua storia clinica c'è già un episodio di microembolia e alla TAC cerebrale ci sono segni di vasculopatia cronica.
A disposizione per ulteriori consulti
[#2] dopo  
Utente 161XXX

Iscritto dal 2010
Grazie per la gentile risposta.
Continuerò a prendere la cardioaspirina. Avevo pensato di chiedere al mio medico se era una buona idea prenderne solo metà al giorno oppure una un giorno si e un giorno no, ma alla luce della sua risposta penso che non glielo chiederò.
Ci sono degli esami (ad esempio analisi del sangue) per valutare gli effetti della cardioaspirina e cercare di prevenire i rischi di gravi emorragie?
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Purtroppo no. Occorre solo un saltuario controllo del numero delle piastrine perche' in rari casi l'ac.acetilsalicilico puo' determinare una loro riduzione.
A disposizione per ulteriori consulti
[#4] dopo  
Utente 161XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio molto
Cordiali saluti