Utente 381XXX
soffro da 13 anni circa di aritmia atriale (ho 70 anni),unici anni fa sono stato sottoposto a cardioversione elettrica e da allora, salvo qualche ricorso al pronto soccorso per attacco poi in breve tempo risoltosi, mi sono gestito da solo. Nei primi sei/sette anni con l'assunzione, mattino e sera di compresse ritmocolor (?) e successivamente con pastiglie almarytm (una la mattina e una la sera), una cardioaspirina e un quarto di lopresor. Saltuariamente ho avuto attacchi con pulsazioni irregolari a 130 battiti al minuto che si sono risolti, fortunatamente, anticipando la pastiglia successiva e nell'arco di tre/quattro ore (mi é stato detto che ne potrei assumere al massimo tre). La frequenza: qualche volta dopo un anno e mezzo, altre volta dopo tre mesi. L'ultimo attacco risale allo scorso mese di febbraio.L'ultimo esame Holter (n0vembre 2009) dava il seguente risultato:Max FC 96 bpm - MIN FC 53 bpm - Battiti totale 89679 in 22 ore 47 mn. - totale battiti normali 89483 - prematuri sopraventricolari 199 - SVT 0sNN50: 370 intervalli <8incremento maggiore di 50 ms) nelle 24 ore - 24hr Triangle index: 28 - COMMENTO: ritmo sinusale di base urante tutta la registrazione- blocco atrio-ventricolare di I° grado -non rilevate pause patologiche - ectopie sopraventricolari poco numerose, isolate, in una occasione avvertite come battito irregolare - sporadiche ectopie ventricolari, isolate - non variazioni del tratto ST di tipo ischemico.
Chiedo un Vostro cortese parere se la terapia é tuttora valida e se c'é qualche nuovo farmaco più valido o qualche suggerimento per ridurre sempre più il pericolo di ulteriori attacchi.. Soffro anche di calcoli colecistici e assumo deursil. Spero le due terapie siano compatibili.
Grazie della Vostra attenzione, porgo distinti saluti.
Grazie della Vostra cortese attenzione

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Gentile Signore,
lei sta assumendo due farmaci (Almarytm e Lopresor) che hanno avuto effetto positivo sulla riduzione quasi totale delle aritmie sopraventricolari.
Mi permetto di segnalarle tuttavia:
1 che all'Holter viene segnalato un blocco AV di 1ª grado (da tenere quindi sotto controllo conECG ripetuti), anche se non sono state evidenziate pause significative
2- lei non pare essere in terapia con anticoagulanti orali; questi farmaci sono indispensabili per ridurre il rischio di trombo emboleie legate alle aritmie sopraventricolari.
Le consiglio pertanto di rivolgersi al proprio CArdiologo per un migliore inquadramento.
COrdialita'
[#2] dopo  
Utente 381XXX

Iscritto dal 2007
La ringrazio di cuore per il suggerimento,che sarà mia cura seguire al più presto, e per la cortese urgente risposta.
[#3] dopo  
Utente 381XXX

Iscritto dal 2007
Egregio Dottore sto eseguendo nuovi accertamenti (holter-ecg da sforzo)per risottopormi, come da suo suggerimento, a nuova visita medica. Nel frattempo,mi permetto sottoporLe un altro quesito: in questi giorni ho letto del "dronedarone"; nel mio caso potrebbe sostituire l'almarytm? E' più efficace? La ringrazio anticipatamente del cortese parere che vorrà fornirmi. Distinti saluti.
[#4] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Ho già impiegato il dronedarone in alcuni pazienti e con buoni risultati e quindi può proporlo al suo Cardiologo . Sottolineo pero la necessita che lei inizia terapia anticoagulante, al fine di ridurre il rischio, che lei ha elevato, di tromboembolie. Cordialità. Cecchini
www.cecchinicuore.org