Utente 296XXX
Salve dottori, da circa 4 mesi soffro di un dolore alla punta del pene come delle trafittature, sono finalmente riuscito ad identificare il problema. Dopo aver eiaculato e dopo (anche 7,8 ore) ho delle perdite di un liquido bianco (credo liquido prostatico) questa "goccia" ferma nell'uretra mi provoca dolore specialmente quando mi muovo, cammino, salgo le scale. Sono già stato dall'urologo che mi ha diagnosticato una congestione prostatica e mi ha prescitto per 10 giorni orudis supposte e keraflox dopo pranzo. Ho già fatto una spermiocoltura ed un'analisi delle urine tutte negative. Non essendoci batteri credo che il mio problema sia una prostatite abatterica, penso provocata dai miei sbagliati atteggiamenti sessuali (coito interrotto ed erezione prolungata) alla quale si aggiunge anche vita sedentaria essendo io uno studente. E' possibile che frenare un po' la mia vita sessuale (tipo 10 giorni di astinenza) possa aiutare a decongestionare meglio la mia prostata? Grazie. Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,

ritengo sia importante escludere la presenza di un'uretrite. Le consiglio una valutazione specialistica urologica o andrologica.

Cordialmente,

Edoardo Pescatori
[#2] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
concordo con il collega
cordiali saluti
dott. Giuseppe Quarto
www.prevenzioneprostata.com
[#3] dopo  
Utente 296XXX

Iscritto dal 2007
grazie per le risposte. Cmq io sono già stato dall'urologo e quando mi ha eseguito la visita rettale per controllare la prostata ho sentito un grandissimo dolore ed inoltre l'esame delle urine è negativo ed anche la spermiocoltura, non bastano ad escudere un uretrite?
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
la diagnosi a cui è giunto il collega urologo che l'ha visitata potrebbe essere quella corretta. In questa prospettiva però l'indicazione , per quanto riguarda l'attività sessuale, non è l'astinenza ma una attività sessuale regolare , senza eccessi o periodi prolungati di assenza di rapporti o di eiaculazioni.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta.
www.andrologiamedica.org
[#5] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
segua i consigli dell'urologo che l'ha in cura correttamente
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
la diagnosi a cui è giunto il collega urologo che l'ha visitata potrebbe essere quella corretta. In questa prospettiva però l'indicazione , per quanto riguarda l'attività sessuale, non è l'astinenza ma una attività sessuale regolare , senza eccessi o periodi prolungati di assenza di rapporti o di eiaculazioni.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta.
www.andrologiamedica.org
[#7] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
ci mantenga informati
[#8] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
e soprattutto segua i consigli che le sono stati indicati .
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
[#9] dopo  
Utente 296XXX

Iscritto dal 2007
salve dottori, la cura è ormai giunta al termine ed il problema rimane sempre qui. Prima che cominciasse questo dolore, ho notato che sul glande quando mi lavavo si toglieva una specie di patina bianca, poi però il problema nn si è più verificato e nn ci ho dato più peso. Ora ripensandoci non potrebbe esserci una correlazione con il problema che ho attualmente?