Utente 741XXX
Buonasera, volevo chiedere un consulto. Ho sentito tantissimi pareri ma il mio dolore rimane. 12 gg fa, dopo diarrea ho iniziato ad avere fitte forte FID zona iliaca e nella schiena lato destro sotto il rene. in dea mi hanno fatto 2 prelievi a distanza di 12 ore e l emocromo, l amilasi, l AST erano leggermente alterate. fatta eco transvaginale nn, eco addome negativa, stick urine negativo. mi dimettono con antibiotico x 7 gg + fermenti lattici.escludono problema ginecologico e coliche renale. dubbio appendice.ma addome trattabile-mc burney neg-giordano neg-murphy neg.il mio dolore non è mai passato ma neanche mai aumentato , integro con DANZEN antinfiam. intanto il dolore si irradia all'inguine destro, coscia indolenzita. dopo i primi 5 gg di stitichezza adesso intestino regolare anzi diarrea. il dolore è molto più forte nella schiena dx(fitte) e fianco.mentre sento tirare inguine dx. dopo una sett vado di nuovo in DEA rifanno tutte le analisi, i valori erano tutti rientrati.visita chirugica dove scrive: rovsing e segno dell otturatore positivo. allora per escludere dubbi mi propone di scegliere tra laparo diagnostica o tac. io scelgo tac. la tac nn evidenzia elementi patologici e mi dicono che non c'è il minimo dubbio di infiammazione. mi dimettono dicendo di riprendere antibiotico x 3 gg+ tachiprina ogni 8 ore dicendomi che potrebbe essere appendice retrocecale oppure uno strappo muscolare o infiammazione legamentosa.
sono passati altri due giorni io prendo antinfiamm ogni 12 ore ma appena passo un po' l effetto i dolori sono sempre forti e si irradiano in tutto il fianco dx e la schiena in basso sotto i reni e dolore ano.la febbre non mi è mai salita. mangio riso in bianco e pollo da 15 gg,acqua 2lt al gg.non ho fatto più nessun tipo di attività, anche solo una passeggiata mi stanca. i farmaci nascondono solo il mio dolore. secondo voi è possibile che sia un appendice retrocecale ma i valori dell emocromo ora erano bassi a seguito della cura antibiotica? secondo voi è meglio fare lo stesso laparo oppure continuare terapia? il dolore può rimanermi così fisso ma costante anche per settimane senza dovermi preoccupare più di tanto?
Rimango in attesa di una vostra cortese risposta
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Il tipo di approccio al problema da Lei lamentato sembrerebbe del tutto corretto, come pure le deduzioni che fa in riferimento ai possibili effetti della terapia antibiotica.
L'impressione che si può trarre a distanza è che il dubbio di una appendicite retrocecale, parzialmente "raffreddata" dalla terapia antibiotica e antinfiammatoria, resti fondato.
A questo punto, SEMPRE CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA, la persistenza dei sintomi renderebbe consigliabile l'ulteriore step della laparoscopia diagnostico-terapeutica.
[#2] dopo  
Utente 741XXX

Iscritto dal 2008
Grazie della celere risposta.
Il mio dubbio di tutti i giorni è proprio questo.
Rivado di nuovo in ospedale o continuo ad aspettare per vedere se la terapia fa effetto?
Secondo la vostra esperienza, mi hanno fatto fare questa terapia per raffreddare l'appendice. io mi chiedo. è normale dopo 5 gg dalla fine dell'antibiotico avere ancora dolore?
devo solo aspettare e vedrò i benefici tra qualche giorno oppure è sintomo che non sta facendo effetto e posso solo che peggiorare?
sto evitando di andare in pronto perchè mi hanno detto di andarci solo se mi sale la febbre...
[#3] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
La valutazione di una appendicopatia, al di là di quanto si possa ritenere e come si sarà resa conto da sola, può non essere semplice e non raramente può mettere in difficoltà anche Chirurghi di provata esperienza.
Comprenderà quindi la difficoltà di poterLe offrire consigli attendibili a distanza; ma la persistenza del dolore, al di là del sintomo febbre, impone una rivalutazione clinico-strumentale.
[#4] dopo  
Utente 741XXX

Iscritto dal 2008
Grazie 1000 per la risposta.
Ancora un dubbio, visto che dovrebbe arrivarmi il ciclo ma sono in ritardo (test gravidanza negativo)potrebbero i dolori attenuarsi dopo il ciclo?
Visto che il mio caso non è un urgenza , anche per una laparoscopia diagnostica mi potrebbero inserire in una lista d'attesa lunga?
Se dovessi sopportare questo dolore, fa male andare avanti per un mese intero con antinfiammatori e antidolorifici?

Grazie