Utente 166XXX
Buongiorno,
le scrivo perchè vorrei sottoporle il caso di mio zio e mia madre.
A mio zio hanno diagnosticato un edenocarcinoma (infiltrato, stenosante e mediamente differenziato) del colon asportato chirurgicamente
T3N1M0 di 2G in cui sono coivolti anche 3 linfonodi su 23 anch'essi asportati.
Hanno prescritto una chemioterapia per 6 mesi (ogni 15 gg)
Può darmi un parere in merito? E' grave?

Per mia madre: effettua una colonscopia per prevenzione riscontrano diversi polipi i più dei quali piccoli tolti nel corso della colonscopia,ma trovano anche una formazione vegetante del trasverso di 2,5 cm che siccome non si solleva con fisiologica per essere tolta marcano con inchiostro per l'operazione. Nel ceco trovano polipo sessile moriforme polilobato di 1,5 cm.
Arriva l'istologica: formazione vegetante: adenoma tubolo villoso di basso grado; polipo moriforme del ceco: adenoma tubolo villoso di basso grado con focolai di alto grado.
In questo caso possiamo escludere in cancro? a mio zio nella sua istologica avevano già diagnosticato "edonocarcinona".
Grazie per il suo aiuto.
[#1] dopo  
Dr. Alberto Vannelli
28% attività
0% attualità
16% socialità
COMO (CO)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Quello che lei scrive prima col termine di "edenocarcinoma" e poi di "edonocarcinona" è probabilmenten un "adenocarcinoma". L'intervento stando alle notizie riportate, è stato eseguito in maniera radicale, non ci sono però dati di ulteriore studio con TAC. Se non ci sono altri problemi in altre zone del corpo possiamo dire che lo zio è "guarito" poichè però nell'esame istologico ci sono dei linfonodi interessati da malattia esiste un rischio che la malattia possa ritornare o "andare" in qualche altro organo per cui è stata consigliata correttamente della chemioterapia. Quanto al futuro nessuno può saperlo, per cui al termine delle terapie eseguirà dei controlli che ci diranno di volta in volta come sta andando lo stato di salute dello zio e se compaioino dei problemi si potrà intervenire per cercare di risolverli.
Per quanto riguarda la zia non ci sono problemi perchè i polipi non hanno cancro. Se i polipi sono stati asportati completamente è sufficiente fare dei controlli periodici e suggerisco di verificare se in famiglia ci sono altri casi di tumori al colon-retto ed eventualmente farsi seguire presso un centro di medicina preventiva predittiva per uno studio genetico
[#2] dopo  
Utente 166XXX

Iscritto dal 2010
Gentilissimo Dott. Vannelli,
l'oncologo e il chirurgo di mio zio non ci hanno detto nulla in merito alla tac...
Per quanto riguarda mia madre l'intervento per togliere il polipo e la formazione vegetante del trasverso è fissato per il 18 agosto prossimo.
L'istologica è stata effettuata sui frammenti prelevati nel corso della colonscopia...il chirurgo però ha detto che non sono definitivi fino a che non viene analizzato tutto il pezzo.
Una cortesia ulteriore, io ho 29 anni dovrei già sottopormi a qualche esame di prevenzione secondo lei visto che mi zio ha sviluppato un edenocarcinoma al colon e mia madre degli adenomi tubolo villosi?
grazie infinite dottore
E.
[#3] dopo  
Dr. Alberto Vannelli
28% attività
0% attualità
16% socialità
COMO (CO)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2010
1) Il fatto che voi non sappiate della TAc non vuol dire che non sia stata fatta.
2) Il chirurgo ha detto bene: solo dopo l'asportazione completa dei polipi si potrà sapere la natura definitiva.
3) Stando alle linee guida attualmente in uso in Italia siconsiglia di iniziare a fare controlli (colonscopia) dai 40 anni.