Utente 169XXX
ci può essere collegamento tra cisti coccigena con ascesso e ascesso perianale?
perchè in questo momento ho un ascesso coccigeno e 3 mesi fa mi sono operato ad ascesso perianale. quanto tempo posso stare prima di operarmi alla cisti coccigena? per ora e gonfia a volte mi fa a male a volte niente come se si addormentasse. il miglior rimedio qual'è?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Puo' esserci un collegamento nel senso che l'infezione puo' aver viaggiato nella regione. Tuttavia l'ascesso sacro-coccigeo trova normalmente la sua genesi dall'omonima cisti. Serve una consulenza chirurgica per verificare le sue attuali condizioni, ma certamente un intervento definitivo non puo' prescindere dalla preventiva guarigione dell'ascesso.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 169XXX

Iscritto dal 2010
ma adesso che ho questo ascesso di cisti coccigena posso curarlo un antibiotico? per poter almeno aspettare l'intervento? l'antibiotico riuscirà a calmare il dolore e la parte gonfia si sgonfierà? avevo una forte diarrea quand si è formato l'ascesso perianale? quindi può essere penetrato nelle cavità?
[#3] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
L'ascesso si cura normalmente con una associazione di antibiotici e antinfiammatori. Per avere la terapia corretta, che tenga conto anche della necessita' di ridurre il suo dolore, e' pero' necessario sottoporsi a visita presso il proprio Medico di fiducia.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 169XXX

Iscritto dal 2010
dottore ora che è scoppiata la fistole come dovrò procedere?
[#5] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
E' piu' corretto dire che e' scoppiato l'ascesso. Comunque bisogna attendere sempre la guarigione prima di pensare all'intervento chirurgico definitivo.
Cordiali saluti
[#6] dopo  
Utente 169XXX

Iscritto dal 2010
STO ANDANDO DAL MEDICO DI FAMIGLIA PER FARMI MEDICARE, VA BENE?
QUANTO TEMPO CI VORRA PER LA COMPLETA GUARIGIONE?
GRAZIE
[#7] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
I tempi sono piuttosto variabili. Comunque, se fa la terapia correttamente e in assenza di complicanze, direi che almeno una settimana dovra' considerarla. Corrdiali saluti
[#8] dopo  
Utente 169XXX

Iscritto dal 2010
il mio dottore oggi ha premuto fino in fondo tutta l'ascesso e mi ha medicato ora devo tornare giovedi per ripremerlo, lei può darmi qualche consiglio?
in quanto tempo crede che si riformerà se o la opero subito, per motivi di lavoro. a cosa posso andare incontro?
grazie
[#9] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
La speranza e' che dopo l'intervento non si riformi affatto! Poi tutto puo' succedere, ma almeno non perda l'ottimismo!
Cordiali saluti
[#10] dopo  
Utente 169XXX

Iscritto dal 2010
dottore io dicevo ora che è fuoriuscito l'ascesso potrei aspettare prima di pensare subito all'intervento per problemi di lavoro, in quanto tempo si riformerebbe l'ascesso? a cosa vado incontro?
[#11] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Mi scusi, avevo capito che lei intendeva chiedere spiegazioni riguardo la possibilita' che dopo l'intervento definitivo si potesse riformare la cisti e/o la fistola.
Per quanto riguarda l'ascesso comunque il discorso non e' poi cosi' diverso: trattandosi di una complicanza, la speranza e' che non sia cosi' sfortunato da averla di nuovo, o almeno non fino all'intervento definitivo (per il quale comunque non le consiglio di aspettare anni!) che rimuovera' la causa principale. In teoria l'ascesso puo' riformarsi anche subito, ma anche in questo caso un po' di ottimismo non guasta. Ne parli con il Chirurgo che la operera', e pianifichi magari le date in modo tale che coincidano con un periodo durante il quale potra' assentarsi per un po' dal lavoro e soprattutto che la stagione sia un po' piu' fresca dell'attuale, cosi' soffrira' molto meno nel corso dei giorni successivi all'intervento.
Cordiali saluti