Utente 169XXX
Sono la mamma di un bimbo di due anni e mezzo, allergico all'uovo.
Abbiamo introdotto il tuorlo in minima quantità nell'alimentazione all'età di 14 mesi, e la reazione stata tremenda, in quanto si è manifestata subito orticaria, poi è arrivato l'edema al viso e agli arti e alle orecchie. Siamo andati di corsa in ospedale e per fortuna con la somministrazione del Bentelan e del Tinset, la situazione è migliorata nel giro di alcune ore, ma lo spavento è stato fortissimo.
Lo scorso dicembre abbiamo ripetuto le analisi del sangue per verificare lo stato dell'allergia, dietro consiglio del pediatra e per quanto concerne il tuorlo, l'allergia è sparita, nel senso che i valori si sono proprio ristabiliti e difatti mio figlio mangia tranquillamente cibi industriali che contengono il solo tuorlo, mentre l'allergia all'albume è rimasta invariata.
Vorrei capire se esiste la possibilità concreta che questa passi definitivamente, crescendo, o se ci porteremo dietro per sempre questo "problema", che non definirei catastrofico di certo, ma un po' invalidante, per certi aspetti, lo di certo.
Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Salve.
La maggior parte dei bambini allergici all'uovo diventa tollerante negli anni. Per avere un'idea migliore della prognosi nel caso singolo si dovrebbe cercare di capire verso quali proteine dell'uovo esiste una sensibilizzazione.
Sebbene la ricerca allergologica dia sempre più elementi in favore del tentativo di induzione di una tolleranza (almeno per evitare reazioni da ingestione accidentale) con somministrazioni controllate dell'alimento in questione, al momento le raccomandazioni generali ne indicherebbero l'evitamento; in questi casi è sempre bene discutere rischi e benefici con un pediatra allergologo.
Saluti,