Utente 167XXX
Gentili MEdici,
sono ormai disperato.
Da un mese dovrei essere affetto da una balanopostite.
I primi sintomi si son verificati a 2 settimane da un rapporto sessuale non protetto.
Il glande si presenta con zone arrossate e zone coperte da macro-vescicole bianche e la corona con zone gonfie rosso-viola talora doloranti anche non in erezione.
Bruciore forte e arrossamento allo scroto sotto i testicoli la mattina appena sveglio e la sera dopo cena.
Inoltre il prepuzio esterno si presenta con macchioline bianche.
Dopo diverse visite da un dermatologo e da un urologo ho effettuato:
1 fase: 5 giorni di keraflox e 10 giorni di pevisone latte uso topico
2 fase: 21 Giorni di Ciproxin 1 g e 2 settimane di Zitromax 1 g (per 3 volte alla settimana); 5 giorni di doxiciclina.e 10 giorni di orudis supposte.
Una settimana fa il dolore della corona del glande era diminuito almeno a riposo, ma con la masturbazione il glande si presenta con delle striature rosse e bianche e con delle vescicole bianche estese.
Ieri il dolore alla corona del glande è ricomparso e inoltre avverto anche a riposo una strana ipersensibilità..come una sorta di ansia-eccitazione perenne anche a riposo.
Premetto dopo la fase iniziale in cui le creme ad uso topico (pevisone-zovirax e saponi vari) aumentavano l' irritazione e il dolore, da 10 giorni lavo solo con acqua.
La mia preoccupazione è che dopo 21 giorni di antibiotici fortissimi e orudis come antinfiammatorio che mi hanno fortemente debilitato non ho ottenuto risultati
Guardando su internet c'è gente che soffre di balanopostitre da 10 anni con attività sessuale definitivamente compromessa.
La cura antibiotica mi è stata data da un bravo urologo a roma (che si è basato anche su una vecchia prostatite ormai risolta).
La settimana scorsa sono stato anche all idi a roma dove con semplice visita mi hanno escluso patologie quali lichen e candida, senza alcun esame pero.
Ora ho interrotto tutti i trattamenti per fare fra 10 giorni un tampone uretrale.
Vi prego di rispondere alle mie domande perche sono a pezzi:

1.Si può guarire dfinitivamente di balanopostite?
2. I tempi sono cosi lunghi?
3. La masturbazione che a dire il vero avviene poche volte la settimana porta ad un eiaculazione veloce e inoltre sento sempre una ipersensibilità al glande.
Si può parlare di eiaculazione precoce o semplice ansia mista a bassa frequenza di rapporti?
4. Mi devo rivolgere a un dermatologo o (come io preferirei) un andrologo?
5. tampone uretrale a parte...Visto che all' idi e l' urologo non mi hanno dato un idea di quale balanopostite ho...esiste un centro andrologico specializzat in queste patologie a cui rivolgermi (questo mi sarebbe utilissimo).
6. Riesco a lavarlo bene anche con semplici lavaggi con acqua?

Qui è ferragosto. PEr 15 giorni probabilmente starò cosi.
Vi prego di darmi qualche indicazione perche siete gli unici medici che sentiro fino a fine mese.
Grazie,
fabio

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,la balanpostite guarisce ma,spesso,puo' avere una genesi multifattoriale,come dimostrano le terapie praticate, sia batterica che virale (o entrambe).Non esiste un rapporto con la pregressa prostatite ne' con l'eiaculazione precoce e/o ritardata etc.Considerando la Sua storia clinica,credo che abbia avuto una grande importanza il rapporto non protetto cui fa riferimento,che ha scatenato una somatizzazione non certo chiarificatrice.Le consiglio,pertanto, di far riferimento ad uno specialista reale,allontanandosi dalle ipotesi formulate dalla rete.Cordialità.