Utente 950XXX
Sono un uomo di 56 anni; da oltre venti anni, a seguito unghia incarnita alluce sx, il chirurgo ha deciso per l' asportazione della stessa, senza la matrice.
Dopo l' intervento, con relative medicazioni, l' unghia medesima è cresciuta molto lentamente, molto ispessita con micosi conclamata.
Io l' ho tenuta così per diversi anni, fino a quando ha cominciato a darmi fastidio, soprattutto per dolori, formicolii e crescita anomala, ispessita, giallastra e marrone. Il dermatologo mi ha consigliato di provare delle terapie topiche con daktarin e trosyn. L' unghia nel frattempo è caduta 2 volte, a distanza di 5 anni, crescendo però sempre con infezione micotica, probabilmente perchè il problema partiva dall' infezione della matrice.
una seconda dermatologa, da me consultata, a questo punto mi ha consigliato una terapia sistemica, che però non riuscivo a sopportare per problemi di stomaco e fegato, per cui Lei stessa mi ha consigliato di tenerla così, senza fare nulla.
Però, da circa 3 anni, mi dà fastidio, per dolori vari, scollamenti, ispessimenti, distacco della lamina dalla base, con bruciori, fitte, formicolii, ecc.
Io, a questo punto avrei deciso di asportarla con la radice, affinchè non ricresca più. Volevo gentilmente sentire un Vs. parere anche sulla eventuale metodologia dell' intervento, per avere meno dolore e guarigione più veloce (trattamento con laser o innovativo). Ringrazio e porgo cordiali saluti.
Raffaele.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
La sua considerazione finale appare logica e condivisibile.
L' onicectomia radicale viene abitualmente eseguita in anestesia locale, è un intervento assolutamente indolore e non richiede 'tecnoologie' particolari. Auguri!
[#2] dopo  
Utente 950XXX

Iscritto dal 2008
Caro dottore, nel frattempo l' unghia è caduta, e si vede sotto la crescita di nuova unghia di circa 3mm.
Volevo chiedere cosa devo fare a questo punto:
Dopo la normale disinfezione con aureomicina, il mio medico curante mi ha detto che è preferibile, per 10 gg., per intanto fare la mattina una medicazione con aureomicina (per eliminazione dei batteri residui) e la sera medicazione con daktarin crema (per la micosi).
1) L' uso di 2 creme è corretto?
2) L' uso di daktarin smalto può essere effettuato da subito o quando l' unghia è cresciuta, preferendo ora l' uso di daktarin crema?
3) Sarebbe opportuno l' uso di antimicotici per bocca, per un risultato migliore? e per quanto tempo?
Grazie per la risposta, sperando che l' unghia cresca sana, con risanamento della matrice.
Cordiali saluti e buon lavoro.
[#3] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Questi credo siano quesiti da porre al dermatologo che la segue.Prego
[#4] dopo  
Utente 950XXX

Iscritto dal 2008
Vorrei gentilmente girare il quesito ai DERMATOLOGI dr. Luigi LAINO e Alessandro BENINI, con cordiali saluti.