Utente 262XXX
Sono una collega pediatra che è alle prese con dati di difficile interpretazione per le sue scarse conoscenze andrologiche.
Mio marito ha sofferto di un problema di criptorchidismo monolaterale, risoltosi spontaneamente in età scolare (circa 5-6 anni).
In vista di un possibile concepimento, gli ho consigliato di eseguire un esame del liquido seminale, che è risultato alterato.
Vorrei sapere da voi che cosa può significare un test del genere in un soggetto di 33 anni e se è necessario che mio marito si sottoponga ad altre indagini e quali.
In attesa di una vostra risposta vi porgo i miei più cordiali saluti.

ESAME SEMINALE
Volume: 0.5
Fluidificazione: normale
Cellule rotonde 12 x c
Aspetto: opalescente
Viscosità: normale
Cellule squamose:
pH: 7.9
batteri: +
detriti: +

numero di spermatozoi/ml: 68.000.000

mobili progressivi: 20%
mobili in situ: 20%
immobili: 60%
motilità progressiva di grado 1-1.5: 20%

indice di motilità: 0.25

SPERMIOCITOGRAMMA
Forme normali: 38%
Anomalie del tratto intermedio: 8%
Anomalie coda: 12%
Anomalie della testa: 42%
Forme immature:
cellule spermiogeniche: rare
emazie:
istiociti: rari
granulociti neutrofili: assenti

oval motilità index: 5.16

DIAGNOSI: ASTENOBRADICINESIA. BASSO VOLUME SEMINALE.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
cara Collega,

io verificherei che il liquido seminale sia stato raccolto in maniera corretta.( tutti i getti eiaculati sono stati raccolti nel contenitore?)
Ripeterei un esame del liquido seminale a distanza di almeno 20-30 giorni da quello effettuato e farei effettuare una sperimiocoltura con ABG ed una urinocoltura con ABG al fine di verificare se i segni "di flogosi" (batteri, detriti, ipomobilità..)siano da riferirsi ad una infezione delle vie genito urinarie.
Poi, comunque, farei visitare il consorte da uno Specialista
cari saluti

Diego Pozza
www.andrologia.lazio.it