Utente 271XXX
Gentili dottori,
una decina di giorni fa sono comparse sul lato sinistro del torace le prime macchie di herpes zoster. Mi trovavo in vacanza all'estero per cui, al mio ritorno, ho iniziato la terapia tardivamente: antivirali (Velaciclovir, crema locale) e, a seguire iniezioni di Tricortin per 10 giorni. Ora, al quinto giorno di terapia si è presentato un forte mal di gola che mi tormenta da un paio di giorni e che ha indotto il medico curante a farmi sospendere l'antivirale. Vorrei sapere se la terapia antivirale possa essere responsabile dell'ulteriore abbassamento delle difese immunitarie; se è il caso di passare a una terapia antibiotica. Tra l'altro è curioso che sia stata colpita da herpes proprio in un momento di assoluta mancanza di stress (mi trovavo in vacanza!). Tenuto conto che sono affetta da Sclerosi multipla stabizzata (terapia sospesa da 4 anni con nessun problema) mi chiedo se possa essere successo qualcosa a livello immunitario. E' il caso che senta il mio neurologo? Potete, per piacere, formulare delle ipotesi su quanto mi sta accadendo? Vorrei tra l'altro lasciare di nuovo la città per continuare le vacanze ... ? Grazie per la disponibilità!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile signora,
mi spiace risponderLe con questo ritardo, ma le vacanze erano anche le nostre.
Uno Zoster e una faringite possono capitare anche a individui per altri versi "sani", non immunodepressi né affetti da sclerosi multipla. In questi casi comunque è opportuno chiedere il parere di un medico che possa fare un'anamnesi diretta e visitarLa (es. guardia medica se si trova lontano da casa).
Ci aggiorni.
Saluti