Utente 170XXX
Salve Dottori,io pratico calcio su campi in terra battuta, mi capita spesso giocando a calcio che cadendo sul terreno mi procuri delle escoriazioni di 1-2 cm di grandezza,superficiali ma con fuoriuscita di sangue in superficie, come può accadere a me può accadere a tutti gli altri giocatori. Essendo il calcio uno sport di contatto, potrebbe esserci il rischio di contagio hiv nel caso la mia ferita andasse a contatto con un altra?. Vi chiedo questo perchè un pò mi preoccupa il fatto che potrebbe esserci un contagio. Vi ringrazio
[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Gentile Signore,

la modalità di contagio da lei descritta è assai improbabile per diverse ragioni:
- non è sufficiente il contatto fra due ferite, ma lo scambio di una certa quantità di sangue in modo che vi sia una carica virale adeguata a contagiare; al limite, con tale modalità è più facile contagiarsi per l'epatite B (ma esiste una sicura ed efficace vaccinazione).
- è anche statisticamente poco probabile che in uno scontro di gioco due ferite sanguinanti vengano a contatto; inoltre solitamente le ferite di gioco, soprattutto quelle sanguinanti, dovrebbero essere medicate e protette con una fasciatura, onde evitare sovrainfezioni batteriche.
- nessun problema nel caso di contatto fra cute sana e sangue altrui.

Oggi per prevenire i contagio dell'HIV bisogna fare attenzione:
- ai rapporti sessuali (da proteggere SEMPRE con profilattico)
- ad evitare assolutamente l'uso promiscuo di aghi e siringhe (per i tossicodipendenti).

Storia dell'AIDS
http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=119197

modalità trasmissione HIV
http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=58099

http://www.medicitalia.it/minforma/igiene-e-medicina-preventiva/434-zanzara-trasmette-virus-aids.html


Cordiali saluti
[#2] dopo  
170200

dal 2010
La ringrazio Dottore, un'ultima domanda, per quel che riguarda i test hiv. Ho letto che comunque sono definitivi a 100 giorni da episodio a rischio, ma a quale generazione devono appartenere (I,II,III,IV) per essere definitivi a 100 giorni?
[#3] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
quelli di IV generazione sono definitivi a 90 giorni
[#4] dopo  
170200

dal 2010
In qualche laboratorio privato mi è stato detto che usano test di III generazione, in questo caso bisogna aspettare i 6 mesi?
[#5] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
sì, è preferibile
ma in ogni caso si informi presso il laboratorio che le ha effettuato il test
[#6] dopo  
170200

dal 2010
Dottore comunque ha una sua alta attendibilità anche a 100 giorni? Avevo letto che comunque alcuni Dottori sostenevano che anche i test di III generazione potevano essere considerati definitivi, però comunque se lei mi dice cosi, mi attengo a quello che mi dice lei. La ringrazio