Utente 136XXX
Egregi Dottori,

Avevo una domanda, forse anche sciocca, ma che comunque mi genera un pò di curiosità.

Un infarto è direttamente collegato al numero di battiti al minuto? Voglio dire, se un soggetto come me, 20enne ma he soffre di obesità di 1° grado (senza comunque patologie cardiache) , ha battiti per un numero di 70/al minuto, corre rischi? Se ho battiti troppo alti corro maggiori rischi?

Grazie dell'attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Gli ultimi studi evidenziano una relazione fra aumento della frequenza e rischio di infarto, anche se non certamente alla sua eta. Ma è altrettanti vero che la frequenza cardiaca aumenta linearmente con il peso. Deve quindi solamente ridurre drasticamente il suo peso corporeo e camminare molto. Ridurrà in ral modo sia la frequenza che il rischio. Cordialita
[#2] dopo  
Utente 136XXX

Iscritto dal 2009
Grazie mille Dr. Cecchini per la delucidazione!