Utente 281XXX
Buongiorno,
sono una donna di quasi 35 anni, non fumatrice, normo peso (182 cm x 63 kg). Da circa dieci anni soffro di ansia, sfociata con attacchi di panico che con gli anni si sono ridotti. Purtroppo somatizzo molto a livello cardiaco, per questo da qualche anno assumo 1/4 di atenol per tenere a bada una tachicardia "mattuttina" che in periodi particolarmente stressanti si ripresenta. Assumo anche xanax 0,25 sempre al mattino. Spesso ho anche extrasistole che avverto nitidamente. A novembre ho effettuato un ecg al pronto soccorso poichè presentavo cardiopalmo e non riuscivo a calmarmi nemmeno con gli ansiolitici (mio padre stava morendo, purtroppo). Hanno rilevato queste extrasistole ma mi hanno detto che il mio cuore è sano e che si trattava di "complessi prematuri atriali". Ho fatto accertamenti per la tiroide sotto consiglio del dottore che mi ha visitata, ma era tutto nella norma. Ora tutto questo si sta ripresentando, così il mio medico curante mi ha prescritto un HOLTER che eseguirò a giorni. Lui sostiene che non avremo sorprese perchè il mio ritmo cardiaco è sinusale e perfetto nonostante questi episodi di tachicardia al risveglio e le extrasistole. Se questo è vero perchè devo sottopormi a un Holter? Cosa può dire di più rispetto ad un normale ECG in cui tutti i miei problemi sono stati rilevati? La mia ansia è tale che già ora non dormo al pensiero e quel giorno, purtroppo, so già per esperienza che i miei battiti saranno alle stelle così come le mie extrasistole. Grazie per l'attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Gentile signora, l'Holter è una banale registrazione di 24 ore del suo elettrocardiogramma attraverso dei fili attaccati con cerotti al suo torace. Il registratore è molto piccolo e non da fastidio. L esame è utile perché permette da una parte di verificare cosa succeda al suo ritmo quando lei lamenta disturbi, dal' altro escludere che lei abbia aritmie delle quali non si accorge ad esempio quando dorme od è distratta.
Se i battiti che le sono stati rilevati sono prematuri atriali le confermo che sono Benigni e paradossalmente sono quelli che si avvertono di più a causa della loro pausa compensatoria. Stia serena. Cordialità. Cecchini
[#2] dopo  
Utente 281XXX

Iscritto dal 2007
Grazie Dottore per la sua cortese risposta. Volevo domandarle ancora una cosa: quel giorno dovrò assumere il beta bloccante oppure no? Questo quarto di pastiglia che prendo al mattino può influire sul risultato dell'esame? Mi preoccupa la cosa per il mio stato d'ansia, oggi ho provato a non prenderlo ed il risultato è stato distastroso: aspettavo la tachicardia e infatti puntuale è arrivata. Tenga presente che ogni volta che sono andata a fare un ecg il mio stato di agitazione era tale che una volta mi hanno addirittura rispedita a casa. Non vorrei succedesse la stessa cosa con l'holter.
Grazie in anticipo per l'attenzione
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Se vuole verde cosa realmente succede deve eseguirlo SENZA beta bloccante, così una volta per tutte vediamo quali sono le aritmie che la infastidiscono e ci poniamo rimedio. Se invece assumesse il beta bloccante la risposta sarebbe falsata dal farmaco. Stia Serena,al massimo le batterà il cuocer un Po più veloce, tutto li. Cordialmente . Cecchini