Utente 170XXX
buongiorno, vorrei proporvi il mio problema.
circa un mese fà mi è venuto un'infezione nella parte bassa sx della gengiva. Ho fatto una terapia antibiotica e poi mi sono rivolta al dentista per vedere che problema c'era. Dalla panoramica è risultato che l'osso sotto le 3 capsule che ho ha un infezione che lo fà regredire e perciò mi hanno detto che devo togliere le attuali capsule e i rimanenti denti, impiantare dell'osso sintetico e poi successivamente ripristinare i denti tramite impianti. Chiedevo se la diagnosi è giusta, se non esiste un altro modo per fermare l'infezione all'osso, se questa infezione si può estendere a tutta l'arcata dentaria, e soprattutto se questo problema che ho ha un nome. Grazie.
[#1] dopo  
Dr. Giovanni Auletta
28% attività
8% attualità
16% socialità
GIUGLIANO IN CAMPANIA (NA)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2009
Gentile utente Lei ha centrato il problema,cioè la mancanza di una diagnosi.
Ci ha descritto ed evidentemente così o hanno fatto a Lei di un riassorbimento osseo esito di una infezione.
Il problema sta quì ,nel senso che l'infezione è dovuta ad una patologa parodontale di origine gengivale,o ad una parodontite apicale di origine dentaria? La differenza è considerevole come diverso è l'approcio terapeutico.Le consiglio quindi di far luce su questo aspetto fondamentale per poi pianificare la giusta terapia.
[#2] dopo  
56390

Cancellato nel 2011
Gentile utente, solo il suo dentista che ha visionato la radiografia può vedere l'origine dell'infezione. Se ha una origine dentaria si può valutare l'ipotesi di effettuare le devitalizzazioni necessarie, e se la protesi è ancora congrua non sostituirla.
Altrimenti se è di natura gengivale bisogna valutare una serie di parametri clinici (profondità delle tasche gengivali, mobilità dentaria, tipo di difetto osseo ecc ecc) per decidere se vi sono denti da estrarre o mettere in cura parodontale. In questo caso sicuramente il manufatto protesico va rifatto.
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca
40% attività
16% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Purtroppo da come l'ha descritta, non possiamo avere una chiara idea del suo problema. I denti presentano mobilità? Se sì di che entità? Il problema infettivo è di origine dentale o parodontale? Cerchi di avere queste risposte e poi ci faccia sapere.
Cordialmnete
[#4] dopo  
Dr. Orazio Ischia
32% attività
0% attualità
16% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2009
La evidenza di una perdita ossea peridentale si sposa con una patologia parodontale,essa potrebbe essere localizzata ai soli denti in questione,questo perchè a volte collegata proprio alla peculiare superficie che essi essendo protesizzati presentano.La progressione del problema quindi non è una evoluzione obbligatoria.Per quel che riguarda eventuali recuperi invece non ci si può esprimere bisogna che si rivolga ad un parodontologo.C'è da dire però che la soluzione potrebbe anche non essere la più idonea dal punto di vista prognostico ,rapporto costo beneficio e impegnatività delle cure.Cordiali saluti