Utente 401XXX
Buongiorno,
le chiedo cortesemente un parere per la situazione in cui è incorso mio nipote che attualmente ha 1 annno e 6 mesi.
Alla nascita gli è stata riscontrata una cisti (composta da liquido) nel cranio e mancanza di corpo calloso. Non è stato operato: i medici hanno preferito seguire il bimbo tenendolo sotto controllo.
Premetto che, fortunatamente, di tutte le cose brutte (quali difficoltà motorie - cognitive - di linguaggio) che i dottori avevano auspicato al bimbo, non se ne è verificata alcuna. Nell'ultimo controllo, però, è stata riscontrata la crescita della cisti e per tale motivo al bimbo sarà misurata tra qualche mese la pressione all'interno del cranio per constatare se sia il caso o meno di operare. Uno dei medici che si è trovato casualmente a visionare la cartella clinica del bimbo durante l'ultimo soggiorno in ospedale ha voluto che gli si fossero fatte analisi per verificare la presenza o meno del CITOMEGALOVIRUS, ritenendolo il possibile responsabile dello status di mio nipote. Ebbene gli esami del dna hanno confermato che il bimbo è attualmente affetto da tale virus. A questo punto non sappiamo come agire:
-alcuni dottori dicono neccessario sottoporre il bimbo ad una cura settimanale (per sei settimane) con flebo per 24 ore al fine di espellere il virus e non permettergli di creare altri danni (problemi epatici e altri);
-altri ritengono inutile sottoporre il bimbo ad una cura così pesante per una malattia che non va via e che non può causare più nulla, ma che fa danni solo al momento della nascita.
Sareste veramente gentili se voleste fornirci un parere in tempi rapidi.
Infinitamente grazie.
[#1] dopo  
Dr. Luigi Marino
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
Prenota una visita specialistica
l citomegalovirus è un virus che entra in alcuni tipi di cellule del nostro organismo dentro le quali si replica in modo parassitario.
Infezione primaria

Viene contratta nell'infanzia e nell'adolescenza. ma anche in età adulta.Permane in forma latente per tutta la vita nel sangue periferico, l'epitelio dei tubuli renali e l'epitelio delle ghiandole salivari.
Infezione
È spesso asintomatic, o con sintomi modesti: febbre persistente, mialgia, adenomegalia, linfoadenopatia (prima simil mononucleosica).
la cura è in genere con farmaci quali ganciclovir e foscarnet,ma suo nipote è a mio parere piccolo per fare una terapia così impegnativa e vanno valutati una serie di parametri, il suo medico pediatra, studiandoli l'aiuterà.
spero di essere stato utile
suo
prof Luigi Marino