Utente 171XXX
buongiorno,
sono un ragazzo gay.
qualche giorno fa ho avuto un rapporto a rischio cn un ragazzo, nel dettaglio:

baci ripetuti per cira 2 ore molto profondi

masturbazione recirpoca senza emmissione finale

strusciamento reciproco con membri a contatto

mi è stato praticato un rapporto orale per qualche minuto



La cosa che mi allarma è che mentre ci baciavamo ho sentito sapore di sangue in bocca, non ci ho fatto caso all'inizio e sono andato avanti.
Poi ho scoperto che avevo lesionato un p'ò il frenulo della lingua, ma tuttora non sono sicuro se il sangue che sentivo in bocca era il mio o il suo.

il giorno dopo ho avuto febbre sui 37,5, mal di stomaco, e senso di stanchezza totale. Ho dormito 3 giorni di seguito e continuo ad essere stanco appena mi alzo. Oggi al 4 giorno ho ancora sintomi di stanchezza e non riesco a stare alzato piu di tanto.La senzazione è quella di uno stato influenzale come quando si ha la febbre anche se di fatto misurandola oscilla tra i 36,5 e i 36,8.

è possibile che siano sintomi di contagio hiv? é possibile che siano già iniziati dopo neanche 24 h dal rapporto?

o devo attribuire tali sintomi ad uno stato influenzale che era già in corso?

cosa mi consiglia di fare?
[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Gentile Signore,

quelle modalità di contatto sessuale (baci, masturbazione reciproca, petting e rapporto oro-genitale passivo (pene -> bocca) non espongono a rischio di contagio da HIV, perché a saliva contiene una carica virale poco significativa.
Vero è che la presenza di sangue nella saliva dell'altro partner o nella sua sta ad indicare una lesione della mucosa della bocca, che può fare aumentare il rischio di contagio, ma sicuramente molto al di sotto di quello di un rapporto penetrativo non protetto.

Escluda nella maniera più assoluta che i sintomi avuti subito dopo abbiano un qualche relazione con l'HIV.

Piuttosto, sono altre le malattie che possono essere trasmesse tramite la saliva, per esempio: clamidia, cytomegalovirus, gonorrea, herpes, papilloma virus, sifilide.
Per queste malattie l'incubazione va da qualche giorno a qualche settimana.
Quasi tutte hanno un periodo di incubazione di qualche giorno; non sempre, però, compaiono segni clinici visibili oppure disturbi soggettivi.
Solo la gonorrea spesso si manifesta con il cosiddetto "scolo", che è una secrezione bianco-giallastra che fuoriesce dal pene; a volte la sifilide, nel giro di tre settimane, dà una tipica lesione detta "sifiloma", che è una sorta di papula o nodulino rilevato, rotondeggiante.

Per la diagnosi, per alcune MTS è sufficiente l'esame clinico, meglio se da parte di un dermatologo-venereologo o infettivologo; per altre MTS vi sono tests sierologici (prelievo di sangue) o anche esami colturali da tampone.

Storia dell'AIDS
http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=119197

modalità trasmissione HIV
http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=58099

http://www.medicitalia.it/minforma/igiene-e-medicina-preventiva/434-zanzara-trasmette-virus-aids.html

Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 171XXX

Iscritto dal 2010
la ringrazio per la risposta.

ad oggi, mercoledì, i sintomi influenzali sono quasi del tutto scomparsi.
solo un p'ò di tosse..

volevo chiederle:

ma quindi non c'è il rischio che sia stato infettato se il suo sangue è venuto a contatto cn la mia bocca ed è stato mandato giù?

Io ho l'apparecchio ortodontico, sia sopra che sotto, potrebbe essersi tagliato a causa di quello...

[#3] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
le avevo già risposto
"la presenza di sangue nella saliva dell'altro partner o nella sua sta ad indicare una lesione della mucosa della bocca, che può fare aumentare il rischio di contagio, ma sicuramente molto al di sotto di quello di un rapporto penetrativo non protetto"