Utente 170XXX
Buongiorno a tutti, sono un membro appena iscritto..
Questo è il mio primo post
Ho deciso di affrontare il problema che da anni mi opprime, sia fisicamente che psicologicamente..
Tanto da non riuscire neanche a considerarlo. Per paura l'ho tenuto nascosto ma ora è diventato “un mostro” che mi sta strangolando...
Sto parlando delle dimensioni del mio pene...
Sono ridicole...
In flaccidità misura appena 5cm, in erezione 11cm. circonferenza 11cm
La relazione con la mia ragazza (che ho amato con tutto me stesso) è finita x questo motivo..
L'angoscia e il senso di devastazione che provo, non si spiega …
Mi vergogno a vedermi nudo allo specchio
Sono come un disabile
Non riesco più a portare avanti questa condanna...
Non so perchè Dio m'ha punito in questo modo...
Esiste una possibilità d'uscita? Una operazione di qualche tipo?


P.S Chiedo per favore agli altri utenti di non postare messaggi di sfottò; al momento non sono in grado di sopportarli

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Campo
28% attività
0% attualità
12% socialità
VERONA (VR)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
una preoccupazione che coinvolge la maggior parte degli uomini, in ogni età, è rivolta alle misure del proprio pene.Questa è dovuta alla eccessiva ed ingiustificata importanza che viene data alla grandezza dei genitali maschili.In realtà, le dimensioni c'entrano poco con il piacere provocato nella donna, o meglio c'entrano si, ma solo fino a un certo punto. In erezione il pene, secondo un autorevole studio di ricerca condotta su un campione di 2.376 uomini, ha una lunghezza media di 15 centimetri variando tra i 9 ed i 22 centimetri. La maggior parte dei genitali maschili rientra nella fascia che oscilla tra i 13 ed i 18 centimetri come si evidenzia nella tabella.
La dimensione del suo pene rientrerebbe nella media.
Considerando che il problema le sta provocando non pochi problemi le consiglio di rivolgersi ad un esperto andrologo.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr.ssa Angela Pileci
52% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
"La relazione con la mia ragazza (che ho amato con tutto me stesso) è finita x questo motivo.. "

Gentile Utente, oltre alle prove autorevoli del Collega, sulla normalità delle dimensioni del suo pene, occorre tener presente che spesso le persone associano idee irrazionali e significati personali che rischiano di rovinare la vita sessuale.
Ad esempio l'idea di dover provocare piacere alla partner solo con il proprio pene e non, ad es, con delle carezze.
Il mio suggerimento, dal momento che la situazione rappresenta un notevole disagio per Lei, è di consultare uno psicoterapeuta.

Saluti,
[#3] dopo  
Utente 170XXX

Iscritto dal 2010
il mio pene è veramente piccolo in flaccidità sembra quello di un bambino..
Quando m'è stato detto: "non mi piace far l'amore con te... Non mi fa schifo ma .." m'è crollato il mondo addosso...
Su internet ho trovato degli estensori che "promettono" un allungamento fino a 4 cm... A me sembrano aggeggi di tortura ...
Mi potete dare un parere?
Mi può davvero aiutare uno psicoterapeuta?
In che modo?
...
Dover parlare con una persona, (seppur medico) di una cosa così intima mi dà una profonda vergogna

Vi ringrazio per la Vs disponibilità e attenzione
[#4] dopo  
Dr.ssa Angela Pileci
52% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Come potrebbe esserLe utile uno psicoterapeuta?

In Lei sembra esserci il timore e il disagio di un pene di dimensioni oggettivamente nei limiti della norma, VISSUTE tuttavia come soggettivamente insoddisfacenti. Tale quadro rientra nella così detta dismorfofobia, cioè una preoccupazione per un supposto difetto fisico che comporta un disagio evidente, limitazioni nell'interazione sociale e/o lavorativa.
La presunta anomalia peniena può essere un problema prettamente estetico, riferito esclusivamente al suo aspetto in condizioni di flaccidità, disturbo chiamato "sindrome da spogliatoio.

Io non metto in dubbio che un'esperienza del genere sia stata per Lei "traumatica". Proprio per questo motivo ritengo che un percorso psicoterapico possa usserLe utile per cambiare questa prospettiva, in particolare:

- capire il Suo modo di "funzionare", tenendo conto di un dato di realtà, delle Sue idee in merito anche in funzione della relazione con la partner

- attribuire un significato diverso alla misura del Suo pene

- valutare se opportuno procedere con l'allungamento del pene

Saluti,
[#5] dopo  
Utente 170XXX

Iscritto dal 2010
Per ora le mie condizioni economico/lavorative non mi consento una spesa di questo genere.
Appena mi sarà possibile lo farò.
Desidero ringraziarla per la consulenza e per la speranza che m'ha dato.
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

nell'attesa di fare le valutazioni mirate consigliate ed oltre alle corrette indicazioni già ricevute dai colleghi che mi hanno preceduto, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questo particolare tema andrologico, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/202-misure-pene.html .

Un cordiale saluto.
[#7] dopo  
Utente 170XXX

Iscritto dal 2010
grazie mille