Utente 111XXX
Buonasera.
Premetto che sto vivendo un periodo particolarmente stressante. Ho problemi sul lavoro e il mese scorso mia madre è stata operata con uno stent per occlusione coronarica.

Da circa una settimana sento il battito del mio cuore molto pesante nel petto (non è accelerato, ho circa 70-80 battiti al minuto), ma lo sento battere pesantemente nel petto. Era una cosa che mi era già successa l'anno scorso, avevo fatto ECG e mi era stato detto che non c'era nulla che non andava. Avevo risolto semplicemente con del biancospino.

Ora però la situazione è un po' mutata. Il biancospino (che ho cominciato a prendere subito, appena cominciati i sintomi) non ha sortito alcun effetto. Oltre ad avere questa sensazione del cuore che batte pesantemente, come se fosse affaticato, ho a momenti anche la sensazione che perda qualche battito e una leggerissima sensazione di pressione allo sterno.

Aggiungo due particolari : sono una fumatrice (circa 15 sigarette al giorno).
Un medico (gastroenterologo) auscultandomi facendomi una visita a marzo di quest'anno mi disse che sentiva un soffio alla valvola mitralica.

Vorrei capire se può essere solo una situazione di stress o devo preoccuparmi.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
No non mi preoccuperei. E poi se lei fosse davvero preoccupata come dice non fumerebbe, causandosi sicuri danni al polmone ed al cuore ed innalzare la sua possibilità di cancro. Quindi lei non ha davvero paura. Vuole solo sentirsi dire che tutto va bene, ed in effetti secondi me va tutto bene. Ma se continua a fumare, con la familiarità che lei ha un giorno sicuramente non andrà più bene. Cordialità. Cecchini
[#2] dopo  
Utente 111XXX

Iscritto dal 2009
Grazie Dottore. In effetti non potrei proprio darLe torto, Lei ha perfettamente ragione e quello che devo fare il più presto possibile è certamente smettere di fumare.
Se possibile desidererei chiedere una delucidazione : poichè il cardiologo che ha seguito mia madre ci ha detto che la causa della sua occlusione è stata sicuramente il fumo (anche mia madre fumava)..si può parlare comunque di familiarità? Mi spiego meglio : la familiarità non significa passare ai propri parenti eventuali malformazioni già esistenti? (Questo non influirà sulla mia decisione di smettere di fumare ovviamente, ma volevo togliermi questa curiosità)
La ringrazio per il tempo che mi ha dedicato e vorrà, qualora possibile, dedicarmi ancora.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Il fumo è uno dei fattori di rischio più importanti. Se si tiene conto che la donna fino alla menopausa si ammala molto meno dell uomo ( circa una donna ogni 4 uomini), il fatto che una donna giovane come sua madre abbia un problema coronarico fa altamente sospettare il fumo come causa fortemente imputabile. Se poi lei assumesse anche la pillola il mix sarebbe davvero molto pericoloso. Smetta di fumare ed inizi as assume cento mg di aspirina tutti i giorni. Controlli il colesterolo totale HDL e LDL. Cordialità