Utente 171XXX
salve dottori,sono nuova e avrei bisogno di un consulto. il mio ragazzo,dopo un ascesa di 2000m in montagna,dopo una notte si è sentito male e gli e' stato diagnosticato un pneumotorace.Allora la situazione e la seguente.. il tutto è successo 3 giorni fa e sono gia 2 giorni che e in ospedale con l apposito drenaggio..ma la ferita continua a drenare sangue...dmn gli fanno un altra trasfusione e io sn molto preoccupata. il pneumochirurgo mi ha detto di stare tranquilla ma io nn riesco a farlo.mi ha detto che se nn si ferma da sola l uscita di sangue gli ordinano fra 2 giorni una TAC e poi decidono cosa fare... io ho tanta paura non dormo piu' la notte. ho paura chissà che complicanze ci sono,ho paura dell intervento e dell aparoscopia dell' anestesia di tuttoe ho anche paura che hanno sbagliato la diagnosi... mi date un consiglio??grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Francesco Inzirillo
36% attività
0% attualità
12% socialità
SONDALO (SO)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2008
Gentile utente
Premesso che esprimere pareri senza la possibilità di conoscere il caso clinico direttamente è sempre molto difficile l'unica cosa alla quale posso pensare è che nel momento in cui è stato posizionato il drenaggio toracico si sia lesionato un qualche vaso che è responsabile del sanguinamento.
Qualunque manovra invansiva non è mai scevra da complicanze.
Nel caso specifico, quando si posiziona un drenaggio toracico il vaso che può essere lacerato è quello intercostale che si trova tra una costa e l'altra (dove il drenaggio deve necessariamente passare).
Nel caso di mancata risoluzione spontanea dell'emorragia si rende necessario un piccolo intervento che consiste nel cercare la fonte del sanguinamento e nel bloccarla.
Si tratta di interventi generalmente non complicati.
Consideri queste mie osservazioni come semplici informazioni a carattere generico.
[#2] dopo  
Dr. Paolo Scanagatta
32% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Buongiorno,

concordo pienamente con il collega, aggiungendo che in alcuni casi è possibile anche che si verifichi un sanguinamento per pneumotorace spontaneo, dovuto alla lacerazione di aderenze tra polmone e pleura in seguito al collasso parziale o totale del polmone, possibile quindi anche qualora il drenaggio sia stato messo correttamente.

La saluto cordialmente,
[#3] dopo  
Utente 171XXX

Iscritto dal 2010
grazie mille dottori :) purtroppo l intervanto gliel hanno programmato per martedi'.. anche se il sangue ormai nn scorre piu dal tubo.. hanno detto che sabato gli fanno la TAC e vedono... hanno detto che forse sarà o necessario o preferibile farlo... intanto lui ha gia dato il consenso...ma dico una cosa..se dovesse essersi cicatrizzato..cm è possibile che andrebbero a riaprire una ferita gia' in cicatrizzazione?? possibile che fino a martedi' e dopo i risultati della TAC possono anche dire che nn ci sta bisogno?? io sn molto in pensiero soprattutto x l intervento.. ho tanta tanta paura..dimenticavo che a lui è stato PNEUMO-EMOTORACE-SPONTANEO.. ma secondo voi è meglio che l intervento glielo fanno per evitare che possa essere recidivo?