Utente 160XXX
salve a tutti,
da un po' di tempo a questa parte accuso brontolii sulla parte sinistra della pancia, in direzione dell'ombellico.
Verso Giugno, dopo essere finito in ospedale per tacchicardia improvvisa, ho fatto le analisi del sangue (tutto negativo) e visita dal cardiologo il quale ha detto che ho una buona pressione e soprattutto che il cuore funziona bene nessun problema alla mitrale.
Da quasi un mese e mezzo, accuso dei brontolii non solo in direzione dell'ombellico (alla sua sinistra) ma anche quasi sotto l'ultima costola (a volte anche sotto la penultima). Sono un tipo ansioso, ad essere sincero e la mia fissazione è vedere l'ultima costola sinistra più sporgente rispetto a quella destra e soprattutto, "bussando" sulla parte sinistra della cassa toracica sento come un tonfo, cosa che invece non accade alla parte destra, anzi…quasi niente. Questo brontolio pensavo provenisse dalla fame ma, li ho anche dopo aver mangiato a pranzo o a cena, quindi robe consistenti. Riguardo la mia fissazione, anche se "busso" alla pancia, sento un tonfo alla parte destra e invece a quella sinistra no (il contrario del torace). Non sono regolare in bagno, a volte vado una volta a settimana anche dopo più tempo. Avverto dolori alle ultime costole sinistre e soprattutto dolori intercostali. Sono andato una settimana fa circa dal mio medico curante, mi ha visitato al petto, sentendo il mio respiro ed il cuore, nulla. Il mio medico ha detto che devo solo stare tranquillo, che non ho niente. Ho vissuto una tragica esperienza in famiglia, con la morte improvvisa di mio nonno, a causa di un tumore ai polmoni mai scoperto in tempo, ecco il motivo di questa mia preoccupazione. Ultima cosa, a volte avverto delle vibrazioni, come movimento involontari dei muscoli, come un tremolio, ai muscoli della gamba, del braccio e dei fianchi. Sapete dirmi qualcosa? Attendo una vostra risposta, spero immediata.
[#1] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Gentile utente buon giorno, concordo col suo medico nel dirle che deve stare tranquillo, almeno cercare di farlo, senza tutta questa attenzione su ogni minimo particolare del suo corpo, in quanto non è sano.
I "tremolii", dato che ha fatto recentemente degli esami che mi fanno escludere deficit di calcemia, e da quello che da qui posso capire, credo che possano essere privi di significato patologico.
Per quanto riguarda la rumorosità addominale che lamenta, si chiamano "borborigmi", è solamente legata ad una peristalsi accentuata che potrebbe anche inquadrarsi come una somatizzazione del suo stato di ansia.
Mi dispiace ma il discorso sulle costole e sulla autopercussione che lei si pratica, sinceramento non lo comprendo e dubitando che lei lo possa fare correttamente, penso che i risultati non abbiano molto significato.
Se questo può aiutarla a stare più tranquillo sottoponga 1 volta la cosa al suo medico.
Mi dispiace per suo nonno e capisco come ne possa essere uscito provato, ma non è motivo sufficiente per tormentersi alla sua età: sono sicura che suo nonno sarebbe d'accordo.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 160XXX

Iscritto dal 2010
la ringrazio dottoressa.