Utente 171XXX
buonasera sono stata sottoposta alla fine di luglio ad un prelievo di microcalcificazioni e nodulo parenchima mammario. Il referto dell'esame istologico è il seguente: A+B=parenchima mammario sede di carcinoma duttale infiltrante mediante differenziato (grado 2 sec. Elston-Ellis) di cm 0,8, con componente intraduttale (grado intermedio e alto) con necrosi e calcificazioni; la neoplasia giunge a cm 0,1 dal margine laterale e a cm 0,3 dal piano cutaneo.
C->H=parenchima mammario sede di carcinoma intraduttale con necrosi e calcificazioni (grado intermedio e alto).
Seguirà caratterizzazione biologica della neoplasia.
Il chirurgo in un primo momento voleva procedere all'asportazione del quadrante e dei linfonodi (tutti), l'oncologo, visto le dimensioni molto ridotte del mio seno, ha suggerito l'asportazione della mammella con impianto di protesi in contemporanea. Ora mi chiedo se vale la pena asportare tutti i linfonodi, non mi asportano quelli sentinella perchè in questo ospedale non fanno questo tipo di intervento, si evince dal referto che i linfonodi possono essere stati intaccati dal tumore? Ho visto che ci sono diversi tipi di intervento di mastectomia, nel mio caso bisogna ricorrere a quello più invasivo o i muscoli me li possono risparmiare?
ringrazio per la risposta

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
37801

Cancellato nel 2010
Sonmo d'accordo sull'aspoprtazioone dell'intera mammella visto che le dimensioni porrebbero la quadrantectomia cone un non senso.
Sono anche d'accordo sull'asportazione dei linfonodi (intera catena) anche per una precisa stadiazione che sarà indicativa sul modus operandi post mastectomia.
LA ricostruzione intraoperatoria non le creerà imbarazzo psicologioco legato al fattore estetico.
Come direttore scientifico dell' Ass Lotta Tumori seni (veda il nostro sito)le ricordo che esistono ottimi centri di esclusiva chirurgia senologica in tutta Italia.
[#2] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Gentile Signora,

a mio parere non è indicata nel suo caso la mastectomia totale (ma questo è di minore importanza, se il seno venisse ricostruito come prima) ma soprattutto non è indicata l'asportazione di tutti i linfonodi ascellari.

La rimando, infatti, ad un articolo del nostro senologo Dr Catania
http://www.senosalvo.com/terapia_chirurgica.htm

dove è scritto quanto segue:
"E’ noto che le cellule tumorali che si staccano dal tumore, seguendo le vie linfatiche, migrano all’ascella passando da uno o più linfonodi che sono posti “a sentinella” del sistema linfatico della regione. Se questa stazione-sentinella risulta sana è molto probabile che anche tutti gli altri linfonodi siano indenni ed è pertanto inutile asportarli.
Come si fa ad identificare il linfonodo sentinella ? Utilizzando una sostanza radioattiva, che viene iniettata prima dell’intervento in prossimità del tumore. Questa sostanza segue la stessa via linfatica seguita da eventuali cellule tumorali e viene bloccata dal linfonodo sentinella. In tal modo il linfonodo può essere identificato, mediante una sonda rilevatrice di radioattività.
La dimostrazione intraoperatoria che il linfonodo sentinella è negativo consente di risparmiare tutti i rimanenti linfonodi del cavo ascellare con risultati cosmetici e funzionali più soddisfacenti."

Ci tenga al corrente, se lo desidera.

Cordiali saluti.
[#3] dopo  
Utente 171XXX

Iscritto dal 2010
Gentile dott: Corcelli, grazie per essersi interessato e aver risposto, per quanto riguarda la mastectomia col chirurgo e l'oncologo siamo pervenuti a questa decisione perchè il mio seno è molto molto piccolo, contestualmente all'asportazione ci sarà il chirurgo plastco che interverrà per sistemare in sito l'espansore. Per quanto riguarda invece il linfonodo sentinella ero al corrente di questa eventualità ma nell'ospedale dove mi operano non hanno la strumentazione per poter fare questo intervento. A parte questo non vi è la certezza che se il linfonodo sentinella sia "pulito" lo siano anche gli altri, c'è la probabilità, non la certezza e io sinceramente non me la sento poi di vivere con questa angoscia dopo. Con l'angoscia e la paura che qualche o anche solo un linfonodo sia stato intaccato dal tumore. Preferisco la certezza alla probabilità. Sono anche al corrente delle problematiche che sicuramente insorgeranno con l'asportazione dei linfonodi ma mi sento più tranquilla così!
Vi terrò sicuramente al corrente, l'intervento è fissato per il 17 settembre!
Grazie ancora, le porgo i miei più cordiali e distinti saluti
[#4] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Gentile Signora,

rispetto la sua decisione, ma mi consenta di fornirle un'altra indicazione tecnica: la metodica del linfonodo sentinella è una procedura sicura ed accurata; allo IEO la percentuale di guarigione delle donne trattate è del 98%, forse addirittura migliore rispetto alla rimozione di tutti i linfonodi ascellari.
Tutto ciò senza compromettere la funzionalità dell'arto superiore per un abbastanza frequente linfedema.

Mi sono capitati casi in cui la paziente non era stata informata della tecnica del linfonodo sentinella e che, sottoposta a dissezione ascellare, ha avuto problemi anatomofunzionali a carico dell'arto superiore, con conseguenti implicazioni di natura medico-legale.
Non è il caso dei suoi chirurghi, che, mi pare, l'hanno correttamente informata che esiste questa metodica, che, tuttavia, in quell'ospedale non viene praticata perchè non attrezzato della medicina nucleare.
L'importante è che la paziente sappia a cosa vada incontro e che decida di affrontare consapevolmente i maggiori rischi che una tecnica comporta rispetto ad un'altra.

Non c'entra internet nè sono un senologo; solo che mi avvalgo, quando serve, del parere di esimi specialisti.
Riguardo al linfonodo sentinella, per esempio, la rimando al link dello IEO (Istituto Europeo Oncologico), che è una delle strutture per eccellenza della senologia a livello mondiale.
http://www.ieo.it/italiano/innovazioni/sentinel.shtml

Buona serata.
[#5] dopo  
Utente 171XXX

Iscritto dal 2010
Gentile Dott. Corcelli ho letto tutti gli articoli da lei linkati ed effettivamente devo dire che sarebbe meglio procedere con la tecnica del l.s. ma ora così come stanno le cose che devo fare? L'ospedale che mi segue come già le ho detto non è in grado di praticare questo tipo di intervento, dovrei rivolgermi ad un altro ricominciando tutta la trafila dall'inizio e i tempi di attesa sono di almeno 2 mesi non credo di avere poi tutto questo tempo, nel senso che se c'è stata una migrazione di cellule tumorali penso sia meglio non aspettare che queste facciano ulteriori danni. Nella mia zona non esistono centri dovrei arrivare a Bologna 256km di distanza.
Non ho capito la risposta del Dott.Funicello sicuramente perchè in questo momento non riesco ad essere tanto lucida!
La ringrazio nuovamente le auguro una buona domenica
[#6] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Gentile Signora,

se lei fosse disposta a venire a Milano e dintorni, potrei trovarle io uno specialista ed un centro qualificato che praticano la metodica del linfonodo sentinella.
Stia tranquilla, farebbe tutto con il Servizio Sanitario Nazionale e senza spendere una lira.

Se lo desidera, mi contatti pure via mail privata
mariocorcelli@fstwebnet.it

Buona domenica.
[#7] dopo  
Utente 171XXX

Iscritto dal 2010
Le ho mandato una mail ma mi è tornata indietro, nome sconosciuto forse c'è stato un errore nella scrittura?
[#8] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
ha ragione signora,
manca la a di fastweb
non mi ero accorto dell'errore

Mi scuso. Ci riprovi.

mariocorcelli@fastwebnet.it
[#9] dopo  
Utente 171XXX

Iscritto dal 2010
Gentile Dott. Corcelli sono rientrata a casa dopo l'intervento di mastectomia secondo Madden e asportazione linfonodi ascellari. Naturalmente la risposta dellìesame istologico ancora non è arrivata ma il mio tumore è triplo negativo (giusto per non farci mancare nulla) e l'oncologo mi ha già anticipato che dovrò fare le chemio visto che la terapia ormonale non sarebbe efficace. Il nodulo era molto piccolo 0,8 cm ma infiltrante. Ho letto che i triplo negativi intaccano di più la via ematica piuttosto che quella linfatica è vero? Esistono altri tipi di terapia per questi maledetti? La ringrazio anticipatamente
[#10] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Gentile Signora,

la ringrazio per l'aggiornamento della sua situazione.
Per la sua domanda relativa ai tumori triplo negativi le risponderà quanto prima, e assai meglio di me, il Dott. Catania.

A presto.
[#11] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Ci trascriva tutto il referto dell'esame istologico e Le risponderò.

Come fa a sapere che si tratti di un "triplo negativo" se non ha ancora l'istologico ?
[#12] dopo  
Utente 171XXX

Iscritto dal 2010
gentile Dott. Catania ho l'esame istologico del nodulo asportato il 21 luglio, non ho ancora l'esito dell'esame dell'ultimo intervento di mastectomia e asportazione dei linfonodi che è avvenuto il 17 settembre. L'esame istologico del 1° intervento cita:
A+B=parenchima mammario sede di carcinoma duttale infiltrante mediante differenziato (grado 2 sec. Elston-Ellis) di cm 0,8, con componente intraduttale (grado intermedio e alto) con necrosi e calcificazioni; la neoplasia giunge a cm 0,1 dal margine laterale e a cm 0,3 dal piano cutaneo.
C->H=parenchima mammario sede di carcinoma intraduttale con necrosi e calcificazioni (grado intermedio e alto).
Determinazione immunoistochimica dei caratteri biologici del carcinoma mammario:
Recettori per gli strogeni: 0,1%
recettori per il progesterone: 0,1%
attività proliferativa (Mib-1): alta 40%
Determinazione immunoistochimica dell'espressione della Proteina HAR-2/neu mediante kit HercepTest (DAKO): negativo (0)
Snomed TNM
T-040000
M-093500
Grazie per l'interessamento e per la disponibilità che dimostra sempre
[#13] dopo  
Utente 171XXX

Iscritto dal 2010
Chiedo scusa ma non ho ricevuto risposta dal dott. Catania, forse mi devo preoccupare?
[#14] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
no, non deve preoccuparsi
non si è accorto della sua replica
lo avviserò io, attenda con tranquillità la sua risposta
[#15] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non ho ancora risposto perchè manca l'istologico definitivo della mammella e dei linfonodi.

Rispondo sulla preoccupazione ulteriore

1)>>>si tratta di un triplo negativo ?>>

SI

2)>>Ho letto che i triplo negativi intaccano di più la via ematica piuttosto che quella linfatica è vero? Esistono altri tipi di terapia per questi maledetti? >>>

Ragione di più per risparmiare la catena linfatica ascellare se è dimostrato che NON sia interessata. Ovviamente se dovesse risultare interessata ha fatto bene ad eseguire lo svuotamento ascellare.

I tumori mammari tripli negativi sono circa il 10-15% di tutti i carcinomi mammari, colpiscono più frequentemente le pazienti più giovani (< 50 anni) e più frequentemente le donne afro-americane.

Sono così chiamati perché non esprimono i recettori ormonali ( né il recettore per l’estrogeno ER, né quello per il Progesterone PgR ), e perché mancano dell’espressione del recettore di membrana HER2 (ER negativo, PgR negativo, HER2 negativo).

La maggioranza di questi tumori presenta un alto grado istologico G3 (il suo è un G2 e quindi meno aggressivo)

Possono in genere manifestare un atteggiamento più aggressivo, e quando diffondono preferiscono la via ematica a quella linfatica.

Per tale ragione viene utilizzata la chemioterapia come terapia adiuvante con una alta percentuale di risposte con antracicline risultando particolarmenten chemiosensibili a questi farmaci, anche perchè l’assenza dei recettori ormonali da un lato e l’assenza di HER2 dall’altro, limitano le armi a disposizione dell’oncologo.

Questi tumori sono infatti ORMONO NON-RESPONSIVI per cui non può essere usata la terapia ormonale.
Inoltre non è possibile usare farmaci mirati sul bersaglio molecolare HER2 ( trastuzumab e lapatinib).

L’unica arma ad oggi a disposizione quindi per la cura di questi tumori è la chemioterapia.

Sarebbe ora di sfatare la leggenda del "tumore triplo" ("triple negative") al punto da avere creato in america associazioni ( http://tnbcfoundation.org/index.html ) semplicemente ....perchè non esiste.

Ma esistono i tumori tripli negativi,che pur presentando tra loro forti analogie, hanno poi differenti storie naturali e prognosi.

Non si lasci catalogare in una categoria che non esiste e faccia la terapia proposta con fiducia.
[#16] dopo  
Utente 171XXX

Iscritto dal 2010
Grazie mille Dottore ancora non è pervenuta la risposta dell'esame dei linfonodi (l'attesa è snervante) mi rincuora l'informazione riguardo il G2 che non sapevo cosa significasse ora sto completando una serie di analisi penso da protocollo (eco al fegato, rx torace e prossimamente scintigrafia ossea). Per la chemio mi rassegno se altra cura non c'è farò quella! Il nodulo era molto piccolo 0,8 cm ma potrebbe aver fatto comunque qualche danno staremo a vedere.
Se non le dispiace appena arrivano le risposte gliele comunicherò.
Ancora grazie e buona domenica
[#17] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
>>Il nodulo era molto piccolo 0,8 cm >>>

Non Le hanno fatto una ricostruzione immediata o almeno inserito un espansore provvisorio?
Non si comprende dalla sua risposta.
[#18] dopo  
Utente 171XXX

Iscritto dal 2010
Mi scusi non l'ho scritto. Sì contestualmente mi hanno inserito un espansore provvisorio, visto le dimensioni minime del seno hanno optato per questa soluzione per poi in futuro toglierlo e mettere la protesi definitiva e fare una mastoplastica additiva anche all'altro seno.
Buona settimana
[#19] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Signora
non ci scrive nulla sull'esito dell'esame istologico dei suoi linfonodi ?
[#20] dopo  
Utente 171XXX

Iscritto dal 2010
Buongiorno Dottore sembrerà strano ma ancora non è pervenuto l'esito dell'esame. L'attesa sta diventando estenuante! Appena so qualcosa le farò sapere.
Grazie per l'interessamento, buona giornata
[#21] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Ci teniamo a saperlo. Grazie a Lei
[#22] dopo  
Utente 171XXX

Iscritto dal 2010
E' arrivato proprio oggi pomeriggio l'esito e non è per niente confortante, recita così : esame istologico
sede prelievo mammella dx
linfonodi ascellari
Esame macroscopico
ICont: mammella di cm 9,5x7,5 centrata da capezzolo. il margine profondo è rappresentato dalla fascia. Al taglio è presente un'area di aumentata consistenza a margini mal definiti che misura cm 3,5x1 che giunge in stretto rapporto col margine superiore e con la fascia che appare macroscopicamente indenne.
A+B= lesione margine superiore e fascia. C=prelievi comprendenti il margine inferiore e la fascia in corrispondenza della lesione. D= prelievo in corrispondenza del margine di sezione mediale. E= prelievo capezzolo. F= prelievo sulla lesione al di sotto del capezzolo.
IICont= tessuto adiposo di cm 5,5
G->L=linfonodi
REFERTO:
._D= Mastopatia fibrocistica
E= non lesioni neoplastiche
F= Fibroadenoma in mastopatia fibrocistica
G->L= 3 dei 12 linfonodi esaminati sono sede di metastasi. Sono presenti focolai di infiltrazione neoplastica nei tessuti molli perilinfonodali con trombosi neoplastiche.
Questo è quanto, non ho ancora parlato con l'oncologo perchè come ho detto il referto è arrivato oggi pomeriggio, ma sinceramente leggendolo non sono per niente tranquilla.
Grazie per la sua disponibilità e vista l'ora le auguro la buona notte
[#23] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Signor il suo caso non finirà mai di stupirci.

Si parlava di lesione di 8 mm e che ci fosse l'indiczione alla mastectomia perch il seno piccolo e ora ne viene descritta una "area" di 3,5 cm ? Ovviamente cambia tutto sia sulla indicazione alla mastectomi che allo svuotamento ascellare. Noi possiamo solo rispondere su quanto scrive Lei.
[#24] dopo  
Utente 171XXX

Iscritto dal 2010
Ma io ho scritto quanto riportato dai referti A+B=parenchima mammario sede di carcinoma duttale infiltrante mediante differenziato (grado 2 sec. Elston-Ellis) di cm 0,8, con componente intraduttale (grado intermedio e alto) con necrosi e calcificazioni; la neoplasia giunge a cm 0,1 dal margine laterale e a cm 0,3 dal piano cutaneo.
C->H=parenchima mammario sede di carcinoma intraduttale con necrosi e calcificazioni (grado intermedio e alto).
Questo è stato il primo referto a seguito dell'asportazione del nodulo, tutti mi hanno sempre parlato di 0,8 cm; l'ultimo che le ho trascritto è quello della mastectomia e cavo ascellare, infatti anche io leggendolo sono rimasta perplessa! Da sottolineare che ho insistito io per farmi fare la mastectomia sia per il seno molto piccolo sia per evitare di fare le radioterapie e l'oncologo ha appoggiato questa mia decisione. Veramente non capisco la discrepanza tra i due referti. Vedo che anche lei è un nottambulo!
Grazie per la risposta