Utente 169XXX
Salve,
espongo qui il mio problema: quattro mattine fa mi sono svegliata con un notevole arrossamente nella palpebra superiore, che cominciava a farsi gonfia e dolorante.. Ho pensato subito ad un piccolo orzaiolo e non mi sono preoccupata più di tanto.. In nottata la situazione è peggiorata, mi sono poi svegliata con l'occhio che a malapena riusciva a stare aperto, estremamente gonfio e dolorante, il tutto credo nato da una ''pallina'' interna, sulla parte superiore della palbebra.. Sono andata al Pronto Soccorso per un controllo più mirato, e l'oculista di turno ha diagnosticato un calazio.
Ora, non mi pare il calazio dia questo sintomi, no? Pensavo più ad un orzaiolo, considerando anche il fuoriuscire di pus..
Comunque..
la cura che mi è stata data è Zitrmomax Pastiglie per 3 Giorni e Betapioptal Gel per 6. Sono al secondo giorno di cura e l'occhio è notevolmente migliorato.. meno gonfio, dolorante e arrossato. Il problema è che la pallina all'interno della palpebra persiste.. E credo ora si tratti proprio di calazio, dato che ora sembra non abbia nemmeno più niente da ''spurgare'', e nonostante questo non accenna comunque a diminuire.
Domani finisco con lo Zitromax , poi porterò avanti il Betabioptal per altri 3 giorni come consigliato.
Crede che in questo arco di tempo il calazio si riassorbirà? E, in caso contrario, dopo quanto è il caso di preoccuparsi e tornare a far visita ad un oculista?
grazie.
[#1] dopo  
Dr. Antonio Pascotto
52% attività
12% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2001
Prenota una visita specialistica
Gentile signor(in)a,

Non sarà facile che il calazio si possa riassorbire in soli tre giorni. Provi a fare anche degli impacchi caldi, al mattino ed alla sera, per circa sette giorni. Se il calazio permane, torni dal Suo oculista: potrebbe essere necessaria un'escissione chirurgica (niente di particolarmente preoccupante...).

In bocca al lupo!
[#2] dopo  
Utente 169XXX

Iscritto dal 2010
In cosa consiste l'operazione? E' particolarmente invasiva?
[#3] dopo  
Dr. Antonio Pascotto
52% attività
12% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2001
In anestesia locale, si fa un taglietto in corrispondenza del calazio, si asporta il calazio e si disinfetta. Se il taglio viene fatto sulla cute, viene poi chiuso con pochi punti di sutura, sottilissimi, che vengono poi rimossi dopo circa una settimana. Dopo l'intervento, l'occhio resta bendato per alcune ore. Il giorno successivo all'intervento (talvolta il giorno stesso) si possono riprendere le proprie normali attività.

Non è assolutamente un'operazione invasiva.

Buona serata!