Utente 119XXX
Buongiorno Dottori,
sono un ragazzo di 34 anni.

Circa 2 mesi fa mi sono accorto di avere sotto lo zigomo verso la guancia una pallina dura, allora circa 2 settimane fa mi sono recato dal Dermatologo e mi ha detto che è un accumulo di grasso (il nome preciso nn lo ricordo) e che al ritorno dalle vacanze potevamo procedere con un piccolo taglio ad asportarlo.
Adesso ci dobbiamo vedere per questo motivo.
Un mese e mezzo fa invece, lavandomi sotto le ascelle sentivo come una cosina dura, ho fatto toccare a tutti in casa, ma mi dicevano di non sentire nulla.
Passano i giorni, e anche quando sono andato dal Dermatologo non ci ho pensato a chiedere informazioni.
Facendomi le docce non ho piu' dato attenzione alla cosa...
Questa mattina lavandomi ci son capitato bene sopra con la mano, ed ho sentito che è diventata proprio una pallina, e allora quella cosina esisteva....adesso oltre ad essere grossa almeno 1cm-1,5 cm di diametro da anche un pò di fastidio ed è abbastanza visibile tirando la pelle.
Sono estremamente preoccupato e infatti non ho inserito la domanda sotto "Dermatologia", ma "Oncologia" apposta perchè temo possa essere un tumore o qualcosa del genere...non sono un medico, non faccio autodiagnosi, semplicemente ho paura.
Vorrei sapere se potrebbe essere un qualcosa di grave, o se queste cose sono comuni, o comunque quali opzioni si presentano piu' frequentemente.
E' ovvio che andrò dalla mia Dottoressa, però per ora confido in un Vostro consiglio avendo spiegato al meglio (credo) il problema.

Vi ringrazio in anticipo per la risposta.
[#1] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
8% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente buon giorno, dato che in quella zona ci sono i bulbi piliferi e le ghiandole sudoripare, la prima cosa che viene in mente, ma col beneficio del dubbio, è una patologia infiammatoria a carico di queste strutture, specie se la "pallina" come lei dice è superficiale. Sono situazioni prive di gravità, ma si faccia visitare, in quanto solo così si può porre in atto una diagnosi differenziale.
Cordiali saluti