Utente 164XXX
Buongiorno, mio marito ha fatto 2 spermiogragrammi su Gradiente Discontinuo a distanza di 25 gg uno dall'altro rispettivamente con i seguenti risultati.
Fluidificazione: Completa Incompleta
Viscosità: Diminuita Aumentata
Volume: 7,5 7,0
PH: 8,0 7,8
Eritrociti Assenti Assenti
Cell. Epitel. Assenti Assenti
Cell. Rotonde Rare Rare
Leucociti neufrofili Rari Rari
N sperm. /ml: 0 0
N sperm. totali: 0 0
N sperm. mobili: 0 0
Motilità rapidamente progressiva: 0 0
Motilità debolmente progressiva: 0 0
Motilità in situ: 0 0
CONCLUSIONI: AZOOSPERMIA

Ha eseguito inoltre:
Testost 2,65 val. rif. Ipogon. 0-2,31; borderline 2,32-3,46; normale > 3,47
FSH 42,28val. rif. 1,27-19,26
LH 6,57 val. rif. 1,24-8,62
Prolat. 35,6 val. rif. 2,6-13,1

Spermiocoltura, ecografia prostata e vescicole seminali per via T.R., ecolordoppler scrotale, tutti prescritti dall'angrologo, sono ancora in fase di definizione.

Come mai nel referto dello spermiogramma non si fa cenno ad eventuali spermatidi, ma solo di cellule rotonde e leucociti?
Secondo l'esito dei valori plasmatici ha senso eseguire gli ulteriori esami prescritti?
Con un FHS > 42 ci potranno essere in futuro possibilità di trovare spermatozooi nei testicoli?
Può essere utile ripetere gli esami del sangue ed eventualmente integrarli con qualche altra componente?
Sul dosaggio plasmatico può influire il fatto che mio marito è affetto da anni di tiroidite di hashimoto e ipotiroidismo? A tutt'oggi ha valori di questo tipo:
TSH: 1,482(nel 2003 aveva 19,7)
FT3: 3,46
FT4: 1,06
ANTICORPI ANTIOEROSSIDASI: 316,20 (nel 2003 aveva 1000)
ANTICORPI ANTITIREOGLOBULINA: 6,60 (nel 2003 aveva 368)
Dal 2003 ha sempre assunto Eutirox, attualmente con un dosaggio di 125 mg; dal 2006 prende anche una compressa di Tiroide AMSA 33 al giorno.
É infine soggetto a frequenti herpes (labbra, naso, guance) che tratta al bisogno con Aciclovir Teva in compresse da 800 mg 5 volte al giorno per 7 giorni.

Grazie anticipatamente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Cara Signora,l'azoospermia non e' una malattia ma va considerata un sintoma di una patologia che solo con una diagnosi andrologica rigorosa puo' essere individuata per poi porre una prognosi che,al momento,con valori di FSH cosi' elevati,e' molto negativa.Non ha senso fare la corsa sulla presenza o meno di spermatidi da uno spermiogramma...Eviti di navigare in rete e si affidi alla perizia di un andrologo con certificata esperienza nel campo della fisiopatologia della riproduzione.Cordialita'.
[#2] dopo  
Utente 164XXX

Iscritto dal 2010
Grazie per la celere risposta.
Sono la prima a concordare che la prognosi sia a tutt'oggi molto negativa.
Da quando mio marito ha scoperto di essere azoospermico ha subito mollato la spugna, il suo morale è a terra e si è convinto del fatto che non sia nulla da fare.
Da subito ci siamo affidati ad un centro, ma prima di tornare dall'andrologo deve effettuare gli esami richiesti e con il nostro medico curante non ci vuole parlare.
Le domande poste in precedenza erano quindi per chiarire alcuni dubbi che mi vengono e capire come devo pormi nei suoi confronti perché non so come fare a spingerlo ad andare avanti; non vorrei illuderlo ed illudermi inutilmente.

Potete rispondere a qualche domanda?
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...non ci ragguaglia circa la grandezza dei testicoli.Credo che si debbano eseguire indagini genetiche (cariotipo) e di biologia molecolare (AZF,CFTR),per cui e' impossibile soddisfare le Sue domande per web.Cordialita'.
[#4] dopo  
Utente 164XXX

Iscritto dal 2010
Grazie nuovamente per avermi dedicato del tempo.
Riguardo la grandezza dei testicoli, dalla prima visita eseguita dall'andrologo, non sono stati rilevati problemi particolari se non un lieve varicocele, tutto da verificare naturalmente con ecografia prostata e vescicole seminali per via T.R., ecolordoppler scrotale.
Ma la tiroidite può influire in maniera consistente sulla prolattina (le ricordo 35,6) e questa incidere conseguentemente sul FSH?
[#5] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...la tiroide e la iperprolartinemia non danno luogo ad un quadro seminale così depresso,almeno non da sole.Ribadisco i consigli precedenti.Cordialita'
[#6] dopo  
Utente 164XXX

Iscritto dal 2010
Grazie per la risposta. Ne parlerò con il mio medico curante al fine di avere le risposte degli esami consigliati prima della prossima visita dall'andrologo.
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettrice,

oltre alle corrette indicazioni già ricevute dal collega Izzo che mi ha preceduto, se desidera comunque avere altre informazioni dettagliate su questo particolare problema riproduttivo, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/195-azoospermia-spermatozoi.html .

Un cordiale saluto.
[#8] dopo  
Utente 164XXX

Iscritto dal 2010
Grazie per l'indicazione. Non solo l'avevo già letto, l'ho quasi imparato a memoria.
Quando abbiamo iniziato a effettare le indagini circa le cause di una mancata gravidanza, ancora ignari di tutto, consideravamo la fecondazione assistita come un qualcosa da temere.
Ora, seppur con pochi dati alla mano, prego continuamente di poter avere nella MIGLIORE delle ipotesi la possibilità di sottopormi a ICSI.
Nell'ultima frase ho parlato al singolare perché mio marito non solo non prega ma non ci spera nemmeno più.

Vi terrò aggiornati.






[#9] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Qua siamo ed, se lo desidera, ci aggiorni.
[#10] dopo  
Utente 164XXX

Iscritto dal 2010
Sono tornata ad aggiornarvi.
Mio marito ha eseguito nel frattempo spermiocoltura: tutto ok.
ECO PROSTATICA TRANSRETTALE: Prostata modicamente aumentata di volume in rapporto all'età (37 anni), con diametri di 46x35x46 mm, con alcune piccole calcificazioni periuretrali e con aggetto in vescica per 1 cm. Vescicole seminali nei limiti.
ECO ADDOME INFERIORE: Vescica alisiatica, senza evidenti aggetti endoluminali, sollevata dal 3° lobo prostatico per 1 cm.
ECO TESTICOLARE BILATERALE: Didimi con diametri a sx di 39x13x23 mm e a dx di 40x14x25 mm, ad ecostruttura conservata. Cisti all'epididimo a sx del diametro di 16 mm. Modesto varicocele a sx con diametro vascolare massimo inferiore a 2 mm e con modesto reflusso sotto manovra di valsalva. Non idrocele o varicocele.

Attendiamo le risposte degli esami genetici consigliati da voi.

Cosa ne pensate? C'è nulla (es prostata, cisti) che possa giustificare l'azoospermia o l'FSH molto alto?

Grazie per la disponibilità
[#11] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Niente di significativo che possa giustificare il quadro clinico di suo marito.

Attendiamo ora le valutazioni genetiche.
[#12] dopo  
Utente 164XXX

Iscritto dal 2010
Più veloce della luce. Grazie per la risposta.
[#13] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Fatte le valutazioni genetiche ci continui ad aggiornarci, se lo desidera.
[#14] dopo  
Utente 164XXX

Iscritto dal 2010
Salve, come promesso sono tornata ad aggiornarvi.
Oggi è arrivata la risposta dell'esame del cariotipo: tutto ok, almeno quello!!
Penso che si possa conludere che l'assenza di spermatozooi nell'eiaculato di mio marito sia dovuto da azoospermia non ostruttiva.
Le domande che vorrei porvi sono nell'ordine:

1) Con un fsh così alto (ricordo > di 42) pensate abbia senso provare agoaspirato, tese o micro tese?

2) So che con ago. ci sono pochissime probabilità di trovare spermatozooi, forse qualche speranza in più con la tese o micro tese, ma queste ultime possono sortire "effetti collaterali" o ulteriori danni testicolari per mio marito?

3) Sarebbe meglio provare subito la micro tese o tentare prima ago?

4) Eventualmente in Italia viene effettuata la micro tese (anche privatamente)? Sapete dirmi in quali centri?

Ringrazio anticipatamente
[#15] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettrice ,

per avere le risposte alle domande da lei fatte, le consiglio di consultare anche gl’articoli pubblicati sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=68483 e

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=19850

Un cordiale saluto.

[#16] dopo  
Utente 164XXX

Iscritto dal 2010
Quindi sarebbe meglio provare direttamente la micro tese?
Vale la pena provarci nonostante l'fsh così elevato?
Per quale motivo la micro tese non viene quasi praticata in Italia?
Ultima domanda, nell'eventualità si trovassero spermatozooi non è possibile utilizzarli a fresco?
[#17] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
L'FSH da lei indicato è purtroppo un brutto segnale iniziale di sicuro recupero e quindi a lei spetta la decisione finale.

La micro-tese poi è poco praticata soprattutto perchè richiede l'utilizzo di una sala operatoria dedicata con microscopio operatore per diverse ore; quindi costi alti e recupero di spermatozoi ancora basso, quando la tecnica è usata nei casi clinici veramente complessi, dove vi è una sua vera indicazione.

Poi sull'utilizzo a fresco degli eventuali spermatozoi recuperati questo è possibile ma il problema è la pesante stimolazione che lei, come moglie, dovrebbe subire con il rischio che poi non si trovi nulla e quindi....
[#18] dopo  
Utente 164XXX

Iscritto dal 2010
Grazie per la risposta.
Noi un tentativo di micro-tese vorremmo farlo, magari con i piedi ben saldati a terra. Penso la eseguano al San Paolo a Milano e all'European Hospital a Roma, esistono altri centri in Italia?
[#19] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene, consapevoli della reale possibilità di non trovare spermatozoi, seguite le indicazioni ricevute.
[#20] dopo  
Utente 164XXX

Iscritto dal 2010
Torno a scrivervi con, permettetemelo, un po' di rabbia.
Ieri siamo stati dall'androlgo che aveva chiesto a mio marito gli accertamenti di cui sopra. Naturalmente ci ha detto che con quei valori è praticamente impossibile trovare spermatozooi nei testicoli. Fino a qui nulla di strano, lo avevamo già bene chiaro in testa. Poi ci viene detto che se proprio vogliamo toglierci ogni dubbio mio marito si deve sottoporre ad agoaspirato. Quando abbiamo chiesto se non è il caso di eseguire tese o micro-tese piuttosto che ago. in quanto ci troviamo di fronte ad azoospermia non ostruttiva, il medico mi risponde che se ci fossero gli spermatozooi verrebbero trovati anche con l'ago..
Premesso che il centro di cui l'andrologo in questione è consulente esegue solo tesa, la mia domanda è: incompetenza, scarsa professionalità o sono io a non aver capito nulla delle tecniche consigliate in caso di azoospermia non ostruttiva?
Mi piacerebbe sapere cosa ne pensate perchè non vorremmo perdere tempo inutilmente rivolgendoci a medici che non sappiano indicarci la strada giusta.
[#21] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettrice ,

mi sembra che l'indicazione data non sia mirata e, vista poi la vostra prospettiva di recupero ad ogni costo e la vostra storia clinica passata, bisogna sentire altra "campana".

Potrebbe essere utile quindi sentire altra struttura o seguire altra indicazione clinica che, per la legge 40/2004, oggi non è percorribile sul nostro territorio nazionale.

Un cordiale saluto.
[#22] dopo  
Utente 164XXX

Iscritto dal 2010
Grazie per le indicazioni fornite, per ora proveremo a rivolgerci ad altra "campana", con la speranza di trovare chi ci sappia indicare la strada giusta.
Non si tratta di voler procedere al recupero ad ogni costo o di voler negare l'evidenza, ma di voler prima tentare l'ultima chance con le nostre possibilità, perchè solo così facendo si potrà stabilire con certezza la presenza o meno di spermatozooi nei testicoli, senza fermarci ad un solo calcolo di probabilità, soprattutto per non rischiare di pentirci un giorno per non aver tentato.
Per le indicazioni cliniche non percorribili in Italia abbiamo ancora bisogno di tempo per pensarci su, perchè che se decidessimo in tal senso, allora sì che ci troveremmo di fronte alla prospettiva del "ad ogni costo".
[#23] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene appena possibile, dopo aver sentita l'altra "campana", ci aggiorni!