Utente 171XXX
Salve Dottore

Ho 50'anni e da circa 2 anni ho problemi respiratori, ho consultato due otorini:
---- uno mi ha fatto la seguente diagnosi- rinopatia vasomotoria dei turbinati inferiori e mi ha messo in lista d'attesa per intervento settoplastica e devascolarizzazione dei turbinati inferiori, nel fratempo mi ha prescritto cicli con avamys spray nasale come cura di mantenimento, ho seguito questa terapia ritenuta di mantenimento, che ha funzionato per alcuni mesi, ma poi i sintomi sono peggiorati (sono ancora in lista d'attesa);
---- l'altro otorino mi ha proposto e eseguito una diatermocoagulazione in attesa di eventuale intervento;
dopo un mese dall'intervento mi ha prescritto una terapia per curare la rinite cronica: Nasonex, cicli di 10 giorni al mese, più lavaggi con tonimer.
dopo un altro mese mi ha detto che l'intrvento è andato bene ma c'è da fare la settoplastice e mi ha prescritto Nsonex, cicli di 10 giorni al mese, più lavaggi.

Quando ho chiesto informazioni circa le occhiaie in prossimità di occhi/naso (presenti da diversi mesi, a volte più accentuate) tipo echimosi, mi ha risposto che ha notato che è tipico delle persone allergiche ma che non è detto che io sia allergica... ma no mi ha prescritto ulteriori esami.
Preciso inoltre che a Nasonex faccio altre terapie: Dostinex per un microadenoma all'ipofisi, Danatrol per endometriosi (sono stata operata per polipi).
Da un pò di tempo alcuni odori mi danno fastidio, il nasonex mi irrita e sono più sensibile ai cambiamenti da un ambiente all'altro (per quanto riguarda la respirazione).
Gli unici test allergologici, fatti con sostanze sulla pelle risalgono a circa 7 anni fa ed erano negativi.
Vorrei sapere se è possibile che i miei problemi respiratori siano accentuati da allergie da farmaci, alimentari, pollini.... subentrati anche negli ultimi anni.
Sono restia a fare l'ntervento, senza conoscere bene le cause, non ho mai fatto un ecografia o altri esami simili perchè non ritenuti necessari dallo specialista.
In attesa di risposta
La Ringrazio
C.D.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Jan Walter Schroeder
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Purtroppo è una situazione fastidiosa e difficile. Non sembra che ci siano delle allergie da pollini. I farmaci o alimenti non centrano sicuramente. Non si può dire se un intervento possa dare realmente una soluzione. Generalmente usiamo proprio la terapia che sta facendo. Talvolta si può associare un anti-leucotrienico (p.es Montelukast.
La diagnosi di rinite vasomotoria è proprio una diagnosi di esclusione e cioè nei casi non allergici che si accentua proprio con i cambiamenti della temperatura.
Cordiali saluti