Utente 171XXX
Sono un 33enne, faccio un lavoro d'ufficio, non ho problemi quali depressione o obesità, ma accuso da 15-20 anni una stanchezza diffusa, finora non mi ha mai creato veri problemi, soprattutto perchè conduco una vita abbastanza sedentaria e sono di carattere molto calmo, ma confrontandomi con la media delle altre persone mi sembra di avere "una marcia in meno".

Documentandomi un po' su internet ho trovato riferimenti a
- sindrome da stanchezza cronica
- fibromialgia
- depressione stagionale (SAD)
ma nonostante varie somiglianze non mi sembra di ricadere in nessuna di queste casistiche

I miei sintomi si presentano come indolenzimento (non doloroso) dei muscoli di braccia e gambe e stanchezza diffusa che sopraggiunge a periodi, più raramente anche formicolii e "addormentamento" degli arti. Oltre alla stanchezza ho un continuo stimolo a dormire (persistente, non a periodi), che si presenta soprattutto nel pomeriggio ed a volte mi rende difficile la concentrarmi sul lavoro. Non faccio uso di caffè. La notte tendo a non dormire mai meno di 8,5/9 ore continuate di sonno profondo che però non mi aiuta a rigenerare pienamente le forze. Un particolare (non so se degno di nota) è il fatto che non ricordo mai i sogni. In passato mi era stata diagnosticata una leggera anemia. Sono bruxista, ho provato ad usare vari tipi di "bite" ma non ho notato miglioramenti nella qualità del sonno. Più volte ho tentato di fare sport/palestra ma non ho mai resistito più di un mese poichè facevo molta fatica a smaltire la stanchezza accumulata e questo rendeva problematico il concentrarmi sul lavoro e dedicarmi ad altre cose. In ambito sessuale mi è capitato durante periodi di stanchezza di perdere l'erezione durante l'atto, cosa mai capitata durante i periodi "normali".

Su consiglio del medico l'anno scorso ho fatto uso dell'integratore Carnidyn (contenente acetil-L-carnitina, taurina, creatina, canosina, vitamina E) per una settimana, durante la quale ho notato un apprezzabile miglioramento, appena smesso però la stanchezza è tornata come al solito, anzi addirittura ancor più accentuata per un bel po' di giorni, la sensazione è stata quella di essere "dopato" e di certo preferirei trovare le cause della astenia invece di rimedi come questo.

Ho fatto vari accertamenti clinici:

Visita endocronologica: tiroide ipoecogena da tenere sotto osservazione, ma nulla di grave da segnalare (FT4 11,5 - FT3 5.02 - TSH 1.03)
Visita cardiologica: leggero "soffio al cuore", ma nulla di grave da segnalare
Visita neurologica: nulla da segnalare
Test di addormentamento Multiple Sleep Latency: "media tempo addormentamento 12 min, non registrate emergenze precoci della fase REM"
Visita otorinolaringoiatra: ho delle tonsille criptiche, e da un paio di anni mi si infiammano spesso, ma il medico sostiene che posso tenerle senza effetti negativi se non ho ulteriori complicazioni

Cos'altro posso fare per cercare le cause della mia tanchezza? Altre visite? Esami particolari?

Grazie
[#1] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Forse sta attraversando un periodo particolarmente stressante dal punto di vista psichico (al lavoro o in famiglia) che di fatto le impedisce di recuperare? O magari si tratta solo di una carenza di liquidi e sali minerali... Oppure, ancora, la sua dieta non e' equilibrata come dovrebbe...
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 171XXX

Iscritto dal 2010
Salve, purtroppo non è un periodo... ho questo problema più o meno dall'età di 15-16 anni, mentre da bambino al contrario ero molto vivace ed energico.

Di sicuro posso escludere stress psicologici o depressioni: fortunatamente conduco una vita tranquilla e non mi posso lamentare di nulla ne a casa ne al lavoro.

Escluderei anche la carenza di liquidi perchè bevo tanto e spesso durante la giornata.

Posso rivolgermi a qualche specialista o fare qualche ulteriore esame medico oltre a quelli che ho già fatto?

Allego per completezza le ultime analisi del sangue fatte nel 2010:

globuli bianchi - 4.75 10^9/L
globuli rossi - 4.87 10^12/L
emoglobina - 14.5 g/dl
ematocrito - 42.2 %
MCV - 86.7 fl
MCH - 29.8 pg
MCHC - 43.4 g/dl
RDW CV - 12.7 %
RDW SD - 40.4 fl
piastrine - 289 10^9/L
neutrofili - 52.4 %
linfociti - 36.4 %
monociti - 9.1 %
eosinofili - 1.7 %
basofili - 0.4 %
neutrofili - 2.49 10^9/L
linfociti - 1.73 10^9/L
monociti - 0.43 10^9/L
eosinofili - 0.08 10^9/L
basofili - 0.02 10^9/L
VES - 3
S/P-proteina C reattiva - 1 mg/L
S-Titolo anti Streptolisinico - 54 KUI/L
Esame colturale per streptococchi beta-emolitici: negativo

anticorpi anti epstein-barr:
VCA IgG - >160 U.a./ml
VCA IgM - 8.9 U.a./ml
il mio medico curante sostiene che non è significativo in quanto probabilmente causati da una mononucleosi avuta da bambino

grazie
[#3] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gli esami ematochimici sembrano in ordine. Per trovare qualche altro elemento su cui riflettere provi anche a dare uno sguardo a questo interessante articolo http://www.medicitalia.it/minforma/medicine-non-convenzionali/361-cfs-sindrome-affaticamento-cronico.html
Cordiali saluti