Utente 407XXX
Buongiorno,
partirò la prossima settimana per il Perù.
Leggo che molto spesso ad alte quote si possono avere sintomi da "mal di montagna" che possono essere più o meno gravi.
Mi hanno consiglaito di prendere delle pasticche di GINGKO BILOBA che "migliora in generale il trasporto dell'ossigeno cerebrale, ponendosi quindi come coadiuvante nelle ipossie da altitudine o da enfisema polmonare".
Che ne pensa? Che dosaggio mi consiglia? Puo' avere controindicazioni? In particolare, ci possono essere problemi in caso di presunta gravidanza?
Tenga conto che i miei esami del sangue hanno rivelato 2 anni fa assenza di fattore V leiden e presenza di protrombina mutata G 20210A.
Ringraziando in anticipo per l'attenzione porgo distinti saluti.
[#1] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
La cosa è molto seria quindi le consiglio di fare una consulenza presso un Centro di Medicina del Turismo. Se non fosse in Gravidanza dovrebbe prendere l'aparina a basso peso molecolare per il viaggio aereo, poichè lei ha due fattori di rischio per tromboembolia. Per il mal di montagna dovrebbe prendere un diuretico che si chiama Diamox e del cortisone come Medrol. Le altezze vanno affrontate gradualmente , con adattamento in campi base in cui stazionare in fasi crescenti. Il pericolo non è l'enfisema polmonare ma l'edema polmonare che è una malattia mortale. Il Ginko Biloba non è utile se non anedotticamente.
Marcello Masala MD
[#2] dopo  
Utente 407XXX

Iscritto dal 2007
Grazie per la celerità con cui mi ha risposto.
Per quanto riguarda le precauzioni da trombofilia sia in gravidanza che per i viaggi aerei sono già a conoscenza perchè sono tenuta sotto controllo dal Centro Trombosi dell'ospedale della mia città.
Mi consultero' anche con il mio medico di famiglia per quello che riguarda diuretici e cortisone.

Ancora grazie e buon lavoro
[#3] dopo  
Dr. Sandro Morelli
28% attività
8% attualità
16% socialità
VELLETRI (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2007
Salve. Le rispondo sia in qualità di medico anestesista che di medico omeopata. Si prenda cura della sua malattia della coagulazione come le ha consigliato il collega, ma può benissimo utilizzare il gingko biloba, magari in tintura madre, e prenderne 20 gocce in acqua 2 volte al giorno, è un'ottimo rimedio per la circolazione capillare arteriolare del cervello, ma anche del resto del corpo, utili per il suo viaggio in cima al mondo!