Utente 934XXX
Mia moglie, anni 71, soffre di ipertensione arteriosa e controlla più volte nella giornata la pressione arteriosa riscontrando valori da 100/60 a 150-140/90.
La mattina alle ore 8 prende 1/4 di compressa Tenormin 100 mg ed il pomeriggio alle ore 17 prende una compressa di Bifril 30 mg.
Il Tenormin lo assume regolarmente mentre il Bifril lo assume solo dopo aver controllato la pressione ed aver riscontrato valori oltre 120/80.
Successivamente riscontrando valori più elevati non sa cosa fare.
E' giusto questo suo modo di curarsi?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
171326

Cancellato nel 2012
Gentile utente,
l'ipertensione arteriosa può presentare fasi di pressione più bassa e fasi di picchi ipertensivi. L'importante è mantenere i valori di pressione sotto i 140 mmHg (130 mmHg se diabetica). In caso di picchi ipertensivi si può assumere in estemporanea un diuretico o il captopril sublinguale. Naturalmente in accordo col medico o cardiologo curante e verificando eventuali controindicazioni.
[#2] dopo  
Utente 934XXX

Iscritto dal 2008
Grazie ma avrei preferito una risposta più attinente alla richiesta: E' giusto il metodo utilizzato per curarsi?
Durante la giornata controlla ripetutamente la pressione riscontrando più volte valori elevati ma se al momento, suggerito dal medico, di assumere il farmaco i valori sono contenuti, si astiene dall'assumere il farmaco effettuando così una cura saltuaria.
Non dovrebbe assumere comunque il farmaco giornalmente per contenere i valori sotto i 140 mmHg durante tutta la giornata visto che è affetta da una pressione arteriosa "ballerina"?
E' questo il mio problema ed ho bisogno del parere dello specialista per cercare di convincerla a curarsi con regolarità.
Mi scuso e ringrazio.
[#3] dopo  
171326

Cancellato nel 2012
Se ci sono dubbi sulla efficacia della copertura farmacologica si può eseguire un holter pressorio. In questo modo avrà rilevazioni della pressione arteriosa durante tutta la giornata e saprà se
A) il farmaco è efficace e copre le 24 ore
B) il farmaco è efficace ma il suo effetto non è costante durante la giornata
C) il farmaco non è completamente efficace.


L'efficacia è oggettivata dall'Holter pressorio, che deve mostrare valori medi di massima <135 mmHg e <85 mmHg di minima e meno del 20% delle rilevazioni sopra tali valori.
Nel frattempo cominci a stilare un diario dei valori pressori, con rilevazioni al mattino e alla sera. Sarebbe già un punto di partenza.
Per inciso Le dico che Tenormin 1/4 di cp è una dose bassissima. se il farmaco non è completamente efficace si può aumentare la dose o cambiare farmaco o ancora associare due farmaci.