Utente 407XXX
Buonasera a tutti. Desidererei avere una risposta rispetto ad una questione abbastanza complicata. Allora quando ero bambino (mi pare avessi 6 anni) ho avuto un linfoma non hodgkin. Ho fatto 6 mesi di chemioterapia e fortunatamente ne sono uscito bene. Fino a 20 anni ho svolto controlli riguardo allo sviluppo ecc... A 16 anni durante uno di questi check-up mi hanno riscontrato valori leggermente alti dell'ormone FSH. La mia altezza è normale (1.74 cm), ma ho abbondante presenza di pelo (molto lunghi)e fitti sulle natiche e sui genitali tanto che devo depilarmi perchè ciò mi ha portato dei problemi di cisti che ho dovuto rimuovere. Anche sulle gambe la presenza è abbondante. Inoltre lo sviluppo dei genitali(lunghezza pene)e dimensioni testicoli non è adeguato alla mia età (11 cm in erezione e 6 a riposo). Tutto il funzionamento è corretto (erezione ecc...) il testosterone è un pò che non lo misuro ma è sempre stato ok. Ho 22 anni e il mio pene è lo stesso di quando ne avevo 14-15. E' possibile che ci sia una relazione tra le cure che ho fatto (a base di cortisone e altre sostanze molto potenti...sul sistema linfatico)
e i miei problemi? Oppure è dovuto a questo FSH che i medici hanno trascurato per 3 anni (nell'età dello sviluppo) non preoccupandosi delle conseguenze? Si può ancora fare qualcosa per rimediare alla situazione? (premetto che non è una questione di sesso misure perchè ho una soddisfacente vita sessuale però vorrei sapere se esiste qualche cura per rimettere le cose a posto sia per i peli che per i genitali. Vi ringrazio per le risposte che vorrete fornirmi.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore,
certo a 23 anni, a fase puberale conclusa, potrebbe essere un problema . Bisogna comunque valutare attentamente l'asse ipotalamo -iposisi-gonadale (cioè quella complessa struttura che controlla lo sviluppo sessuale di un uomo) e senza perdere altro tempo prezioso. Consulti un esperto andrologo.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#2] dopo  
Utente 407XXX

Iscritto dal 2007
La ringrazio per la risposta. Lei francamente crede che si possa fare ancora qualcosa allo stato attuale delle cose? Esistono dei trattamenti in grado di riequilibrare tutto il sistema che lei ha citato? Che benefici potrei ottenere nel medio-lungo termine? Quanto durano queste terapie? Hanno effetti collaterali (ingrassamento, peedita capelli o altro? alterazione stato dell'umore o funzione sessuale?).
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Caro Utente,concordo con il Collega Beretta sulla necessità di rivolgersi con premura ad un andrologo esperto.In medicina va posta innanzitutto una diagnosi e successivamente una terapia con tutti chiarimenti prognostici relativi.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
40665

Cancellato nel 2016
Gentile utente,
c'è da dire che attualmente non è possibile modificare farmacologicamente le dimensioni del pene e da quello che mi dice questo non le crea comunque problemi. Mi sento di consigliarle uno spermiogramma in quanto non mi sembra che lei abbia valutato il suo indice di fertilità anche in virtù del fatto che i suoi valori di FSH erano al di sopra della norma.
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
è chiaro che la valutazione andrologica a cui mi riferivo portava anche ad una riverifica dell' FSH ed eventualmente ad una attenta indagine sul liquido seminale.
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#6] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
consiglio anch'io una visita andrologica che prednerà in considerazione tutto il problema endocrinologico
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
è chiaro che la valutazione andrologica a cui mi riferivo portava anche ad una riverifica dell' FSH ed eventualmente ad una attenta indagine sul liquido seminale.
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#8] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
consiglio anch'io una visita andrologica che prednerà in considerazione tutto il problema
[#9] dopo  
Dr. Sergio Longhi
24% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2005
Gentile Utente, la chemioterapia eseguita a sei anni non dovrebbe causare in via teorica alcun danno alla spermatogenesi. Ma indubbiamente un'accurata valutazione come suggerito dai colleghi si rende indispensabile. Per le dimensioni del pene le lasci misurare all'andrologo.
[#10] dopo  
Utente 407XXX

Iscritto dal 2007
Ringrazio per il consiglio. Per il dottor Longhi lei crede che sia possibile effettuare (in caso le misure rilevate fossero al di sotto della media per l'età, la struttura corporea ecc...)una terapia ormonale per sviluppare adeguatamente i genitali o ormai è troppo tardi? Conti che non ho ancora 23 anni ma 22 e mezzo. Lo sviluppo non durava fino a 25 anni per i maschi? Quindi in linea teorica se stimolato nella maniera giusta ci potrebbe essere un riequilibrio delle proporzioni? Magari varia da soggetto a soggetto la risposta ad una stimolazione farmacologica. Ho letto su questo portale che una persona nelle mie stesse condizioni ha effettuato questa terapia dai 20-21 fino ai 24 anni e ha aumentato le misure in quanto dai 24 il suo corpo ha ricominciato a svilupparsi. E' possibile o è solo un caso isolato?
[#11] dopo  
Dr. Sergio Longhi
24% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2005
Non posso che condividere quanto le hanno detto i colleghi