Utente 469XXX
Buongiorno, sono un uomo di 42 anni, fumatore (20 al dì).
Da diversi anni soffro di ansia generalizzata e a volte ho veri attacchi di panico, ho curato questi dusturbi con l'utilizzo di seroxat, tavor, e pasaden e sempre ho superato le varie crisi.
Lo seroxat l'ho sempre utilizzato per periodi di circa 4 - 6 mesi per poi sospenderlo.
Questa premessa è per spiegare come lo stato di ansia sia abbastanza costante nella mia vita e che i disturbi che questa ansia mi provoca sono molti, partendo da dolori al torace, a tensioni muscolari, a difficoltà respiratorie sudorazioni improvvisi, battito accelerato...
e diverse volte ho eseguito ECG per verificare che non vi fosse altro, oltre all'ansia ed è sempre risultato tutto negativo.

Ora vengo alla domanda:

da alcuni giorni il battito cardiaco è divenuto anomalo, accelerato di norma tra 80 e 85 e in un momento particolare è stato altissimo sicuramente intorno ai 160 battiti senza che facessi nessuno sforzo ( ma lo stato di ansia era altissimo).Ho preso 20 gocce di pasaden e pian piano si è rallentato tornando sugli 85 btm.
In certi momenti avverto cardiopalmo con battiti intorno ai 75, in altri non avverto cardiopalmo ma sento battiti irregolari accelerati, come fosse aritmia.

Naturalmente lo stato generale era di malessere, con giramenti di testa e una leggera confusione (forse data anche dal pasaden).
in questi 3 giorni gli sbalzi di battito sono stati continui, persistenti, con pause di alcune ore di quasi tranquillità.
Mi sono recato dal mio medico curante (cardiologo) mi ha visitato e fatto un ECG e mi ha detto che il cuore non ha nulla, riferendo i disturbi che ho all'ansia.
Mi ha detto di non fumare (come è giusto) e mi ha prescritto un beta-bloccante Sequacor 1,25 da assumere 1 cp al mattino e di continuare con gli ansiolitici che già assumo.

Questo mi lascia un po' perplesso visto gli effetti collaterali dei beta- bloccanti..

vorrei un parere anche vostro.
E' il caso davvero che assuma beta_bloccanti?
La mia pressione del sangue varia dai 120/72 ai 135/ 80 in base al momento della giornata...
Bevevo 5 caffè al giorno che naturalmente ho eliminato.

Grazie



Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
con questo mezzo non è possibile, oltre che vietato dalla Legge, esprimere pareri sulle terapie in corso, nè tantomeno intervenire su di esse.
Posso comunque risponderLe che in linea generale il bisoprololo è abitualmente utilizzato nel controllo dei disturbi del ritmo o della frequenza cardiaca, ed a Lei è stato prescritto un dosaggio davvero minimo. Presumibilmente, quindi, non si verificheranno gli effetti collaterali da Lei tanto temuti.
La registrazione di un ECG Holter in corso di terapia, infine, appare particolamente indicata in quanto permetterà di correlare l'insorgenza dei sintomi alla effettiva attività cardiaca, consentendo quindi al collega curante gli opportuni aggiustamenti terapeutici.
Cordiali saluti