Utente 164XXX
Carissimi Dottori il mio sintomo è il seguente: da qualche anno (solo ed esclusivamente di notte) ho iniziato ad accusare delle parestesie alle mani, in passato erano molto ma molto rare nell ultimo periodo invece (circa 1 mese) mi sveglio con alcune dita della mano addormentate o comunque intorpidite,(quasi tutte le notti) generalmente pollice indice e dito medio.in alcuni casi anche il mignolo anche se molto di meno. faccio presente che ho 23 anni faccio sport (calcetto e bicicletta) il mio organismo è molto forte in quanto non accuso mai stanchezza e mi sento sempre bene.Il mio unico problema è che soffro di attacchi di panico e sono un soggetto molto ansioso. Comunque secondo voi devo preoccuparmi? da cosa derivano quelle parestesie notturne? Vi ringrazio anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Rocco De Vitis
24% attività
0% attualità
12% socialità
RUFFANO (LE)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
Potrebbero derivare da una sindrome del tunnel carpale e/o da una patologia cerviacale.
L'ideale è eseguire un Rx Rachide cervicale ed una elettromiografia arti superiori.
Poi recarsi presso uno specialista ortopedico o di chirurgia della mano.
Saluti
[#2] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

in aggiunta a quanto già detto dal Collega, mi permetto di consigliarle, nell'attesa di una visita specialistica, di procurarsi (presso un negozio di articoli sanitari) un tutore rigido per il polso, con stecca metallica dal lato palmare e di indossarlo tutte le sere (tenendolo durante la notte e rimuovendolo al mattino).

Se, come probabile, si tratta di una compressione o una irritazione sul nervo mediano al polso (sindrome del Tunnel Carpale), dovrebbe notare dei grossi benefici sulla sintomatologia notturna (parestesie).

In ogni caso, non si deve preoccupare.

Se poi vuole fare ancora di più, può lei stesso fare una piccola modifica al tutore: dare 15-20 gradi di estensione alla stecca metallica (che è incorporata nel tutore) agendo nel punto in cui tale stecca corrisponde alla piega flessoria (cioè quella piega cutanea trasversale che può osservare al confine tra mano e avambraccio, in corrispondenza del polso): in tale modo aumenterebbe l'efficacia del tutore, in quanto una lieve estensione del polso decomprime il nervo mediano.

Mi faccia sapere.

Cordiali saluti.