Utente 136XXX
Mio padre 84enne, soffre da alcuni anni di aneurisma aorto addominale di circa 7 cm. assolutamente asintomatico. E' cardiopatico (tre bypass aorto coronarici nel 1990). Attualmente sta molto male. E' scompensato, diabetico, affetto da epatite da farmaci, fegato da stasi e insufficienza renale cronica. Recentemente, e in presenza di tutte le patologie testé elencate, é stato sottoposto ad "angio TC aorta addominale", con liquido di contrasto. Il referto dello specialista testualmente recita: "Voluminoso aneurisma dell'aorta addominale sottorenale che interessa il tratto emergente delle iliache con trombosi semilunare e lume residuo irregolare con segni di ricanalizzazione del trombo, che interessa il tratto emergente delle iliache". Vista l'età, il quadro clinico pessimo e l'attuale scompenso cardiaco, vorrei sapere se é il caso di operarlo, magari in endoprotesi o di optare per i farmaci abituali? Nel ringraziare per l'attenzione, attendo una cortese, possibilmente rapida, risposta.
[#1] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
gentile utente,

da come lei riferisce, il quadro clinico generale è decisamente importante, sempre con i limiti di una valutazione a distanza.

certamente il posizionamento di una protesi endovascolare è meno invasiva dell'intervento chirurgico (scopriamo l'acqua calda), ma bisogna vedere se questo trattamento potrebbe essere quello indicato nel caso del suo caro, comunque durante tali trattamenti possono succedere cose che impongono, sia pur non frequentemente, il passaggio alla chirurgia ed in questo caso sarebbe comunque un trattamento d'urgenza, quindi con più rischi.

questa valutazione necessita di una molto delicata valutazione in relazione a tutte le considerazioni fatte, con il paziente davanti, con le immagini e tutte le indagini finora eseguite per l'accertamento dello stato generale. del paziente

sono certo che tale valutazione è stata eseguita dai colleghi che l'hanno in cura.

mi tenga informato

cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 136XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio molto per la cortese e sollecita risposta. Per il momento proporrò al medico curante, che considera l'intervento se non proprio urgentissimo senz'altro imminente, di soprassedere. Anche nel rispetto della volontà di mio padre che, ovviamente, non gradisce l'intervento. Ciò detto, le chiedo: a suo parere, tenendo conto del fatto che conosce solo ciò che le ho raccontato io, ossia quasi nulla, quello che il medico ha scritto nel referto dell'Angio TC, che qui riporto ("Voluminoso aneurisma dell'aorta addominale sottorenale che interessa il tratto emergente delle iliache con trombosi semilunare e lume residuo irregolare con segni di ricanalizzazione del trombo, che interessa il tratto emergente delle iliache".), segnala l'imminente rottura dell'aneurisma o solo una gravissima situazione ancora non del tutto compromessa?
La ringrazio di nuovo e attendo di rileggerla.
[#3] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
queste situazioni possono, improvvisamente, precipitare, purtroppo.

cordiali saluti