Utente 130XXX
questa mattina ho ritirato le analisi di mio padre e mi sono molto spaventata! ha 60 anni e per quanto riguarda il colesterolo ha un valore di 350 per il colesterolo totale, 240 i trigliceridi, e 50 il colesterolo hdl, quindi facendo un rapporto viene il valore 7,2 il che rappresenta un rischio molto alto. Sicuramente gli farò seguire una dieta, ma dato che il suo dottore non c'è per via delle ferie volevo sapere se bisogna assumere immediatamente una pasticca per far rientrare i valori, in quanto non credo che gli effetti della dieta siano immediati. Credo che per la maggior parte sia un fattore genetico, per il resto è anche vero che ultimamente ha mangiato veramente male ma non è in sovrappeso. Volevo sapere quali controlli bisogna fare a livello cardiologico per vedere se ci sono dei problemi. L'ultimo elettrocardiogramma risale ad aprile ed era tutto ok, quando i valori di colesterolo totale era 200. Fio ad ora non ha mai avuto valori così alti ed ho seriamente paura che possa succedere qualcosa da un momento all'altro, però per il momento non posso far altro che metterlo a dieta visto che il dottore ora non c'è

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
171326

Cancellato nel 2012
Gentile utente,
La dieta recente può influenzare i valori di colesterolo riscontrati all'ultimo controllo.
Riguardo alla urgenza del trattamento, gli effetti dell'ipercolesterolemia sono cronici e non riflettono il singolo valore preso al momento, cioè non si deve precipitare a somministrargli un farmaco. la dieta è sicuramente il primo passo, poi sarà il medico che, valutando i fattori di rischio, dalla familiarità al fumo, dall'età all'ipertensione, le prescriverà gli accertamento e il trattamento più opportuni.