Utente 271XXX
Salve, le mie domanda sono queste:
1)Si può trasmettere il virus hpv con rapporti orali? Se sì che accertamenti bisogna fare per accorgersene? In questi giorni ho le tonsille grosse e infiammate, ma penso sia per altre cause (farò comunque una visita dall'otorino considerando che ho spesso mal di goal e infiammazioni)
2)Con una colposcopia si possono rilevare lesioni nella zona anale? Se queste fossero all'interno che visita si dovrebbe fare per accorgersene?
3)Un uomo che non presenta lesioni visibili può essere comunque contagioso?

Le chiedo tutto questo perchè in seguito al paptest mi è stata riscontrata una displasia lieve da hpv da tenere sotto controllo e mi chiedevo se, nel caso avessi infettato il parner, ci possa essere stata un reinfezione a livello orale e anale.
La ringrazio molto!

Valuta ospedale

[#1] dopo  
1125

Cancellato nel 2011
Gentile signorina,
le consiglio di sottoporsi a vulvo-colposcopia per verificarela presenza di lesioni HPV-correlate sia a livello cervicale che vulvare e anale. Cercherò di rispondere con ordine alle sue domande: il virus può essere trasmesso con rapporti orali, tuttavia è raro per non dire rarissimo,riscontrare lesioni nel cavo orale in donne che hanno avuto rapporti orali con partner infetti. Le consiglio quindi di non preoccuparsi per il bruciore alla gola ed indirizzare la ricerca su altre patologie, effettuando un tampone faringeo ed una visita ORL. Con la colposcopia si possono rilevare lesioni anali o perineali, ma non mi risulta che il virus sia mai stato isolato nel retto. Qualora all'esame colposcopico si rilevasse la presenza del virus dell'HPV le consiglio di far sottoporre il suo partner a "penoscopia". Comunque deve saper che l'uomo contrae l'infewzione più difficilmente rispetto alla donna e quindi non è detto che un uomo che abbia rapporti con una donna che presenta lesioni evidenti da HPV contragga necessariamente il virus, a ciò si aggiunge che l'infezione attraversa una fase di incubazione latente che può durare mesi ed in qualche caso anni prima di manifestarsi clinicamente. non si preoccupi, per ora, per il suo partner e si sottoponga a colposcopia, sarà il suo ginecologo (o colposcopista) di fiducia ad indirizzare il suo partner.
Cordiali saluti.
Dott. Fabio Pietroluongo
www.pietroluongo.it