Utente 172XXX
Salve a tutti i dottori, sono un ragazzo di quasi 21 anni, vi scrivo in merito ad una lieve curvatura del pene verso sinistra; circa 8 mesi fa ho subito un trauma in seguito ad un rotolamento sul letto con il pene in erezione, ciò mi ha causato inizialmente un piccolo ematoma sull'asta,in alto a sinistra sotto il glande, ed un dolore improvviso alla sempre sull'asta a sinistra,ma questa volta alla base del pene, dopo una settimana ho fatto una visita dall'andrologo il quale mi ha fatto fare un'ecografia dei corpi cavernosi, rassicurandomi che non ci sono stati danni al pene; il problema è che ora noto una lieve curvatura verso sinistra alla base del pene, nel punto in cui ho sentito il dolorino tipo "strappo", se passo le dita in quel punto si puo sentire una sottilissima placca, la quale mi causa proprio questa curvatura e leggera torsione oraria del pene rispetto il proprio asse di simmetria, io successivamente feci un'altra visita dal medico, spiegando questa nuova situazione, lui di nuovo mi rassicurò che una cosa del genere non può comportare problemi; il fatto è che a me da molto fastidio a livello estetico, ed in questo periodo mi stà causando problemi ed insicurezze dal punto di vista sessuale, per me è stato un duro colpo , a causa di un trauma passare dall'avere un pene dritto ed ora, guardarlo e vederlo storto.A questo punto volevo chiedere a voi medici, se l'unico modo di correggere una lieve curvatura aquisita sia quello chirurgico, e se si che tipi di interventi (e quali sono i possibili rischi), si possono applicare ad un caso come il mio.Vi ringrazio dell'attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,Le consiglio di avere pazienza e di seguire i consigli dei colleghi che La visitano e che,a mio parere,mi sembrano tranquillizanti.Credo che la idea di un possibile intervento di raddrizzamento sia azzardata,considerando la assenza di fenomeni degenerativi post-traumatici.Cordialita'
[#2] dopo  
Utente 172XXX

Iscritto dal 2010
La ringazio della risposta dottore, volevo aggiungere a ciò che ho esposto prima, un fatto abbastanza strano che mi capita quasi ogni mattina al risveglio, mi accorgo che scoprendo il pene è molto incurvato verso sinistra, proprio nella direzione della curva del trauma, permane in questo stato per una ventina di minuti e poi per il resto della giornata questo effetto sparisce per ripresentarsi quasi ogni mattina successiva.A cosa puo essere dovuto ciò?
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...non e' significativo. Cordialita'.
[#4] dopo  
Utente 172XXX

Iscritto dal 2010
Salve, volevo chiedere agli andrologi ed urologi di questo sito, se oltre alle note soluzioni chirurgiche per il raddrizzamento del pene, esistono delle terapie ad esempio utilizzando laser, ultrasuoni o iniezioni, che si possano applicare ad un caso di lieve curvatura aquisita come il mio.Grazie dell'attenzione
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore, bsiogna vedere se ne vale la pena. In altre parole imbarcarsi in terapie qualki infiltrazioni, laser dal dubbio effetto in presenza di problema modesto è un problema.
[#6] dopo  
Utente 172XXX

Iscritto dal 2010
Grazie della risposta dottore, purtroppo per me questo è un problema che mi turba molto, sotto il profilo psicologico, e anche nel momento dell'atto sessuale, dato che spesso perdo l'erezione soltanto guardando il mio pene che ora vedo come "storto",anche se la curvatura ora è lieve il mio pene prima di subire il trauma era perfettamente diritto, ed io non riesco ad accettare ora di vederlo inclinato verso sinistra.
Per cui dottore se mi puo indicare, se esiste qualsiasi cosa priva di effetti collaterali che io possa fare (anche terapie a lungo termine) per ripristinare il mio pene, sono disposto farla.

Ps: con "bisogna vedere se ne vale la pena" intende dire che queste terapie possono avere effetti collaterali?

Grazie dell'attenzione.
[#7] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
intendo dire che possono non servire se ciurvatura molto lieve
[#8] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

oltre alle corrette indicazioni già ricevute dai colleghi che mi hanno preceduto, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questo problema, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/227-pene-curvo-valuta-fa.html.

Un cordiale saluto.