Utente 410XXX
Buongiorno,
circa tre settimane fa ho iniziato a sentire un dolore alla mandibola dx quando spalancavo la bocca…piano piano non sono più riuscita ad aprirla molto…sono andata da un odontoiatra che mi ha prescritto un’ATM, avendo visto da una panoramica il menisco destro ispessito.
Anche la nuova radiografia ha evidenziato lo stesso e ora a settembre dovrò fare una risonanza magnetica. Il dottore mi ha già anticipato che l’unica soluzione sarà la sostituzione del menisco. Però leggendo su internet mi sembra di aver capito che gli interventi in quella zona sono pericolosi e pieni di complicazioni…è vero? Mi devo preoccupare?
Ora apro la bocca circa 2,3 cm, ma sempre con dolore alla parte dx…non è un dolore insopportabile, ma c’è.
Grazie a tutti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Maria Miotti
28% attività
0% attualità
12% socialità
UDINE (UD)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
Gent.ma Sig.ra,
non è possibile diagnosticare "un menisco ispessito" da un esame radiografico.
Lo studio R.M. potrà dare le informazioni necessarie, e solo allora si potranno porre indicazioni per un eventuale intervento chirurgico.
Cordialmente
[#2] dopo  
Dr. Stefano Stea
24% attività
0% attualità
0% socialità
COTIGNOLA (RA)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2004
Gent.ma Sig.ra,
condivido assolutamente quanto affermato dal Dr. Miotti.
Solo la RNM può valutare lo stato e la posizione del menisco articolare.
E' importante che la RNM venga effettuata a bocca chiusa e a bocca aperta per verificare la posizione del menisco in condizioni di riposo e durante il movimento condilare (sono peraltro suggerimenti ovvi per il radiologo abituato ad eseguire esami RNM delle ATM).
Cordiali saluti

Dott. Stefano Stea
[#3] dopo  
4165

Cancellato nel 2015
Gent.ma Signora,
condivido l'opinione dei colleghi che hanno risposto in precedenza.
Studio gnatologico completo con EMG e valutazione clinico-strumentale con RM dell'ATM bilaterale statica e dinamica sono necessari per porre una diagnosi corretta, rispetto a questa sarà poi posto il piano di trattamento. La chirugia dell'ATM non viene quasi mai presa in considerazione in prima battuta ma solo dopo accurata terapia funzionale.
Distinti saluti
Massimo Maranzano
[#4] dopo  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca
40% attività
16% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Cara Paziente, durante l'apertura ha anche una deviazione mandibolare dal lato dx? Dopo la massima apertura da lei sostenibile (mi sembra 2,5 mm) è possibile forzare ancora un po'? Se ciò avviene avverte dolore? Tutte queste domande per farle capire che probabilmente il suo problema è di una dislocazione anteriore meniscale con looking articolare. Si rivolga presso un buon gnatologo e probabilmente risolverà il tutto senza ricorrere alla chirurgia.
Auguri