Utente 173XXX
Salve dottore
la ringrazio intanto se vorrà rispondermi, sono una ragazza di 28 anni, purtroppo un mese fa ho avuto un brutto incidente, nel quale ho riportato il distaccamento di un frammento osseo nella terza falange del quinto dito della mano destra.
L'ortopedico solo dopo 15 giorni dall'incidente mi ha steccato il dito, inizialmente tenedolo per una settimana in ipertensione in quanto ha avuto paura che mi fossi rotta o lesionata il tendine, poichè la falangetta stava piegata verso il basso, dopo una settimana, con la rimozione della stecca, il dito era tornato dritto, cosicchè me lo ha steccato nuovamente per un'altra settimana in posizione orizzontale. Così trascorsi i 15 giorni, ha rimosso definitivamente la stecca, senza fare neanche una lastra, ma il dito nella parte superiore della falangetta, laddove il frammento si era distaccato appare gonfio e livido oltre che dolorante.
La mia paura è che dal momento che risulta più gonfio proprio nel punto in cui l'osso si era staccato in quello stesso punto o altrove il dito possa in qualche modo rimanere storto e risultare gonfio, è possibile? se si esiste un rimedio nell'immediato? oppure un qualunque rimedio anche nel caso in cui si tratti di intervenire chirurgicamente?
Grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signora,

per il momento le consiglio di aspettare: probabilmente con il passare del tempo (almeno 2 o 3 mesi) quel gonfiore e quel rossore sul dorso dell'articolazione interfalangea distale (IFD) tenderà a diminuire.

Sarebbe opportuna una nuova lastra di controllo in proiezione laterale, per verificare la posizione del frammentino osseo (microdistacco) dal resto della 3a falange (F3) e per valutare se esiste un accenno di callo osseo.

La lesione del tendine estensore non è un sospetto ma una certezza: infatti, questo tipo di lesioni sono una delle forme con cui si presenta la lesione distale dell'estensore.

In totale, per quanto tempo ha tenuto continuativamente immobilizzata in estensione l'articolazione ?

Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 173XXX

Iscritto dal 2010
Gentile Dottore
La ringrazio infinitamente per la tempestiva risposta, provvederò senz'altro a fare una lastra di controllo.
Il dito è rimasto immobilizzato per 15 giorni, ma dopo che il medico ha tolto la stecca dicendomi di muovere il dito, tenendo ferma la falangetta, ho provveduto io stessa a mettere una fasciatura, in quanto il dito mi faceva male. Ho per caso sbagliato?
Quindi presumo che il gonfiore presente sul dito sia del tutto normale e che devo solo avere un pò di pazienza, non è il caso di allarmarsi?
Ancora grazie
Cordiali Saluti
[#3] dopo  
Utente 173XXX

Iscritto dal 2010
Mi scusi ancora dottore, ma precedentemente ho dimenticato di chiederle se è normale che la falangetta all'estremità risulti oltre che gonfia, lievemente tendente al basso.
Grazie e scusi ancora
[#4] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
15 giorni di immobilizzazione sono assolutamente insufficienti; sono necessari almeno 30 giorni (45 sarebbe meglio), ma in ogni caso solo con un controllo radiografico si può capire se è passato un tempo sufficiente per rimuovere la stecca e iniziare la mobilizzazione.
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Il fatto che la F3 sia semiflessa non è certo normale: il risultato ottimale vorrebbe che la F3 sia perfettamente allineata con la F2, ma una lieve flessione della F3 può essere considerata un risultato accettabile.

Cordiali saluti.
[#6] dopo  
Utente 173XXX

Iscritto dal 2010
Grazie x le delucidazioni, le chiedo ancora fino a quando è possibile intervenire solo con la stecca e nel caso in cui non fosse più utile c'è una soluzione alternativa?esiste un intervanto atto a riportare il dito alla normalità?ed entro quando questo può essere fatto?
[#7] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
L'intervento può essere sempre effettuato, ma più tempo passa, minori sono le prospettive di successo (va fatto possibilmente entro un paio di mesi).

In ogni caso, lei è ancora in tempo per un miglioramento, usando una stecchina che metta in estensione l'ultima articolazione (meglio sarebbe una lieve iperestensione, con 10-15 gradi di estensione).

La stecchina è sufficiente che blocchi solo la interfalangea distale, non anche la prossimale o ancora meno la metacarpo-falangea (in sostanza deve essere lunga solo come 2a e 3a falange, lasciando libera la prima falange).

Infine, nell'ipotesi di un eventuale intervento, va considerata bene (insieme al chirurgo della mano), la reale necessità-opportunità: infatti, se i disturbi funzionali sono lievi o assenti e se la flessione residua è minima, certamente le sconsigio di sottoporsi ad un intervento chirurgico, soprattutto differito.

Cordiali saluti.