Utente 412XXX
E' da un paio di anni che soffro di dolore al polso dx. Dopo aver fatto l'elettromiografia per escludere problemi al tunnel carpale,successivamente da un'ecografia è risultata una ciste tendinea.Da una settimana faccio impacchi di Hirudoid con applicazione di una fascia elastica,ho avuto un piccolo miglioramento solo che di colpo la ciste ha iniziato a farmi male.Il mio medico mi ha parlato dei rischi che potrebbe comportare un intervento chirurgico e per questo sono molto titubante.Vorrei sapere effettivamente i rischi di tale operazione e se ci sono metodi alternativi alla cura di questo problema,e se con il tempo può peggiorare.Vi ringrazio anticipatamente.Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Coda
24% attività
0% attualità
12% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
Se si tratta di una cisti tendinea, questa va asportata.
Se si tratta di un igroma del polso, cioè un'erniazione della sinoviale da infiammazione, può essere risolutivo fare un'infiltrazione con un cortisonico e bloccare il polso x qualche giorrno.
Dipende dalla diagnosi, che qualunque ortopedico ( e un tempo anche i chirurghi) è per lo più in grado di fare solo con la visita.
Cari saluti
Dr Andrea Coda
[#2] dopo  
Utente 412XXX

Iscritto dal 2007
Grazie per avermi risposto subito. Vorrei un chiarimento riguardo all'intervento. Siccome il mio medico ha detto con certezza che è una ciste, e che l'intervento non devo proprio pensarlo, perchè è molto rischioso, “il punto tra il polso e la mano passano molti nervi“ e potrebbe andare male,meglio cosi e non l'intervento. Lei cosa mi dice in proposito? Se continuerà a darmi fastidio cosa devo fare sono molto spaventata. Ancora grazie se mi risponderà.
[#3] dopo  
Dr. Andrea Coda
24% attività
0% attualità
12% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
io non sarei così sicuro sulla base delle informazioni date che si tratti di una semplice "cisti". Poi che tra i polso e mano passino tante cose, il chirurgo che opera lo sa perfettamente. Tutto può andare male se non è fatto con scienza e coscienza. Io non mi metto a operare su regioni che non conosco. ma dove ho esperienza , opero tranquillo.
Quindi ogni cosa può essere fatta bene o male a seconda che chi lo fa sia un esperto professionista o un incosciente principiante. Vale per tutti i mestieri e tutte le professioni.
Tornando al suo problema, vorrei approfondire la diagnosi e mi pare che in quella regione gli igromi siano frequenti e questi si possono valere di un'infiltarzione coertisonica con ottomi risultati e rischi quasi inesistenti.
UN ortopedico, magari specialista della mano le potrebbe toglierle dubbi e inutili paure.
cari saluti
Dr Andrea Coda
[#4] dopo  
Utente 412XXX

Iscritto dal 2007
Grazie ai suoi consigli ho maturato la mia decisione. Il dolore al polso dopo 10 giorni di Hirud. è "quasi" passato, ho messo anche un polsino, non so per quanto durerà riprendendo a fare sport ed altro. Sono 3 anni che mi fa male una volta l'anno, quest'anno è stato il dolore più forte. Comunque la prossima volta che mi farà male,invece dell'ecografia,consulto direttamente uno specialista della mano "lei conosce qualcuno di cui fidarmi quaggiù? Sono di Grottaglie (Ta).Grazie e a risentirci