Utente 174XXX
Salve a tutti
Ho un problema...ho 20 anni è soffro di eiaculazione precoce e non riesco a raggiungere una piena erezione...quando ad esempio con la masturbazione provo a raggiungere l'erezione,appena la raggiungo anche se sento che il pene non è turgido al massimo,ho l'eiaculazione.tutto questo nel giro di 1-2minuti circa.Qualche mese fa andai dall'andrologo che mi fece fare esami del sange,controllo ormoni e anche ecocolordoppler penienio dinamico.Di natura organica dice che non c'è nulla,mi ha anche prescritto cialis 5mg per un mese e qualche miglioramento c'è stato ma poi punti e a capo....non riesco mai a raggiungere una piena erezione nè a penetrare ed inoltre si aggiunge l'eiaculazione precoce...mi disse anche che avevo il frenulo un po' corto e poteva dipendere da esso...mi disse di allungarlo ma voleva 200€,gli effetti ci sono??anche quando guardo ad esempio un film porno oppure sono in intimità nonostante ci sia un forte desiderio sessuale non raggiungo la massima erezione ed eiaculo precocemente.C'è anche il fattore ansia è vero,ma cosa posso fare?come devo agire per risolvere qusti problemi che hanno anche determinato una delusione amorosa?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
se come pare il suo problema è ansioso ed il farmaco non funziona, penserei ad un colloquio con uno psicologo. Per il problema del frenulo c' è il sistema sanitario nazionbale, eventualmente. Ma sono scettico che una frenuloplastica possa risolvere il problema.
[#2] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Caro Ragazzo,
mi accodo al Dr.Cavallini nella risposta.
Se l'andrologo ha escluso cause organiche, sarebbe opporuno effettuare una diagnosi differenziale, cioè comprendere se è l'eiaculazione precoce a creare una vulnerabilità della sua erezione.
Un lavoro sull'ansia correlatta alla sfera della sua sessualità, ad i meccanismi che la regolamentano, le sarebbe di grande giovamento, oltre ad un lavoro mirato al potenziamento del punto di non ritorno eiaculatorio.
Auguri