Utente 174XXX
Buongiorno, ho 31 anni, premetto di essere abbastanza ansioso, e fino ai 20 ho sofferto di enuresi notturna di natura psicologica, che si è poi risolta quasi del tutto, salvo qualche ritorno sempre presente (4-5 volte al mese). Da circa un anno, a seguito di un incidente stradale, ho cominciato di nuovo a soffrire di incontinenza notturna e da aklcuni mesi a questa parte anche diurna, cosa che mi ha costretto per ovvi motivi a utilizzare il pannolone. Non avendo subito danni gravi nell'incidente, se non un colpo di frusta, curato con collare cervicale, volevo sapere da cosa possa dipendere la cosa, se dall'incidente oppure se l'ansia causata dall'incidente può portare a colpirmi nella parte più debole, ossia l'incontinenza della quale ho sofferto fino ai vent'anni, peraltro di natura psicologica (nessuna problematica particolare emersa da tutti gli esami effettuati). Non sono ancora tornato dal medico, ma ora dovrò decidermi a farlo, perchè non voglio e non posso essere condannato come ora a portare sempre il pannolone. grazie e buona giornata.
[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Campo
28% attività
0% attualità
12% socialità
CASCINA (PI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2010
Gentile utente,
considerata la complessità del suo problema le consiglio di rivolgersi ad urologo. Se esiste o meno una dipendenza con l incidente è possibile stabilirlo dopo una visita urologica e dopo aver eseguito degli esami strumentali.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 174XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio.
[#3] dopo  
Utente 174XXX

Iscritto dal 2010
buongiorno,
dopo svariati esami per trovare l'origine del problema che ho sopra esplicato, che è peggiorato via via, tanto da rendermi completamente incontinente.
Da un rx alla colonna mi è stata diagnosticata una spondilolistesi l5 s1 di 2° grado, che mi dicono potrebbe essere alla base del problema e per la quale la prossima settimana subirò ulteriori esami.
Volevo chiedervi, vista la situazione complicata che sto vivendo, se esiste questa possibilità.
grazie e buona giornata