Utente 174XXX
Buongiorno
Ho 44 anni, obeso, con ipertensione, ipercolesterolemia e ipertriglicemia.

Da qualche giorno manifesto una difficoltà nel camminare: dopo un certo tratto di strada (800 metri circa a passo lesto, 1-2 km a passo normale) insorge un forte dolore di tipo crampiforme che mi colpisce entrambe le gambe lateralmente al polpaccio. Il dolore si attenua molto se mi fermo e riprende non appena mi rimetto a camminare.
Ho letto che potrebbe essere una manifestazione tipica della Aterosclerosi e questo mi sta mettendo in forte apprensione, visto l'elevato rischio di andare incontro a infarti e ictus.
Ma è possibile avere una aterosclerosi a quarant'anni? Pensavo fosse una malattia che colpisce soprattutto persoe molto anziane.
E nel caso fosse davvero aterosclerosi, posso fare qualcosa per ridurre i rischi cinnessi? Ho due figli piccoli e mi piacerebbe vederli diventare grandi...

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Stefano Senatore
24% attività
0% attualità
12% socialità
VAREDO (MB)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
Visti i fattori di rischio potrebbe essere presente un'aterosclerosi, le consiglirei di eseguire un ecocolorDoppler alle carotidi (TSA) e uno arterioso arti inferiori per escludere un problema di origine vascolare.
[#2] dopo  
Utente 174XXX

Iscritto dal 2010
Grazie per la risposta celere.
Farò gli esami che mi ha consigliato e speriamo che vada tutto bene.
E' tre giorni che non dormo e non mangio per la preoccupazione....
[#3] dopo  
Utente 174XXX

Iscritto dal 2010
Ho sentito il mio medico ed ho eseguito gli esami richiesti (color doppler TSA e arti inferiori).
A livello di carotidi non c'è nulla, qualche piccolo restringimento a livello delle gambe ma a dire del mio medico si tratta di poca roba, sicuramente non sufficiente a giustificare la claudicatio.

Ora sono più tranquillo, resta però il fatto che continuo ad avere i crampi ai polpacci ogni volta che cammino più di un chilometro...


[#4] dopo  
Dr. Stefano Senatore
24% attività
0% attualità
12% socialità
VAREDO (MB)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
Per fortuna ha escluso una patologia vascolare, le conviene ora cercare di perdere peso affidandosi ad un dietologo ed eventualmente eseguire una visita ortopedica e fisiatrica.
[#5] dopo  
Utente 174XXX

Iscritto dal 2010
Vorrei aggiornare la mia situazione.

La claudicatio è sempre presente anzi, mi sembra pure peggiorata, adesso mi fa male anche quando cammino normalmente.

Oltre all'ecocolordoppler TSA e arterioso agli arti inferiori ho eseguito anche quello venoso, sempre agli arti inferiori, e anch'esso è risultato nella norma.
Ho fatto una visita dall'angiologo e tutta una serie di esami del sangue per valutare diabete, presenza di infiammazioni o problemi alla coagulazione. Anche qui nulla di anomalo.

Alla fine il mio medico mi ha consigliato di interrompere la terapia ipertensiva con betabloccante (atenololo) e sostituirla con un sartano (Valsartan 160). Secondo lui il betabloccante potrebbe essere la causa della claudicatio.

Proviamo anche questa, anche se ci sono alcune cose che mi lasciano dubbioso. Primo, l'atenololo è da vent'anni che lo prendo, mi ha sempre controllato bene la pressione e non ho mai avuto problemi. Secondo, e questo non c'entra con la claudicatio, mi sembra sbagliato interrompere bruscamente una terapia con betabloccante visto che questo tipo di farmaci andrebbero dismessi con gradualità..