Utente 174XXX
Sono un ragazzo di 18 anni e da svariati mesi i miei capelli sono molto deboli: basta che passo più volte la mano tra i capelli chinato sul lavandino che questo si "riempie" appunto di capelli, talvolta forse anche a decine. Già da almeno un paio di anni ho questo problema, ma prima succedeva per periodi di pochi mesi, poi smetteva e quindi riprendeva, mentre adesso la situazione va avanti da una decina di mesi. Inoltre i miei capelli sono piuttosto sottili.
Visto che li avevo lunghi ho pensato che il problema fosse quello, quindi li ho tagliati ma non ho notato miglioramenti.
Aggiungo anche che solitamente un giorno dopo lo shampoo cominciano a comparire sul cuoio capelluto delle piccole squame di pelle, ho visto in giro che potrebbe trattarsi di dermatite seborroica ma ovviamente lascio la diagnosi a un medico che potrà vedermi di persona.

Volevo chiedere quindi innanzitutto se, tralasciando le squame sul cuoio capelluto, dovrei optare per un dermatologo per il problema ai capelli oppure se vi sono specialisti più indicati. Inoltre vorrei sapere quali potrebbero essere, all'incirca, i costi per una visita da privato e quali sono invece i costi per una visita all'ASL.
Infine: sono molto preoccupato e temo la calvizie, anche perché credo di essere molto giovane per perdere i capelli. Sono molto fondati i miei timori? Quanto effettivamente il semplice stress può influire su una momentanea debolezza e quindi caduta dei capelli?

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
gentile utente

uno dei luoghi comuni da sfatare quando si è di fronte ad un problema di capelli è il "taglio dei capelli"

non serve a nulla (solo in caso di pidocchi può essere valido, ma ad oggi con le nuove terapie nemmeno per quelli).

La prima cosa da fare è come lei suppone la diagnosi: dalla dermatite seborroica alla calvizie ce ne passa, ma nell'uomo queste possono essere spesso associate.

Non possiamo fornire altre delucidazioni, oltre a quella di farsi visitare dallo specialista dermatologo (e se possibile effettuare i test non invasivi utilissimi soparttutto per il controllo terapia veda in cosa consiste la visita tricologica : http://www.tricologiaroma.com/alopecia_areata_9.html) nella sede che riterrà più opportuna.

cari saluti
Dott. LAINO, Roma
[#2] dopo  
Utente 174XXX

Iscritto dal 2010
Grazie mille per il link
[#3] dopo  
Utente 174XXX

Iscritto dal 2010
Avrei un'ulteriore domanda. Probabilmente a causa di queste squame di pelle molto spesso mi prude la testa. So che grattarsi aiuta il sangue a nutrire i capelli. Il fatto è che quando mi gratto cadono, oltre alla pelle secca, anche molti capelli, a volte davvero tanti. Per questo cerco sempre di resistere il più possibile al prurito. È effettivamente una cosa giusta da fare o dovrei grattare lo stesso per "aiutare" i capelli?