Utente 172XXX
Egregi Dottori,
desidererei cortesemente un vostro parere riguardo ad un caso familare di un paziente 40enne affetto da fibrillazione atriale da 4 anni. Riassumendo la storia clinica:
-2006, si scopre la fibrillazione;
-inizio 2007, cardioversione dopo terapia con cumadin a cui non fa seguito alcuna terapia farmacologica;
-si eseguono analisi cliniche approfondite che escludono cause derivanti da problemi epatici o di tiroide, ecocuore ed elettrocardiogramma effettuati periodicamente e con esiti normali, pressione sanguigna spesso bassa, holter pressorio che non rivela alcuna anomalia a parte la leggera ipotensione;
-2008, si ripresenta la fibrillazione atriale, il paziente è trattato con cumadin, a dosi crescenti causa graduale assuefazione, e dopo quattro mesi viene effettuata la seconda cardioversione;
- fa seguito da allora ad oggi la terapia com almarytm 100mg (1 cp ogni 12 ore), ma nel corso della terapia si manifesta periodicamente la fibrillazione, con tempi non costanti e con episodi non ricollegabili nè a sforzi fisici nè ad altro tipo di impegno o coinvolgimento psichico.
Ci domandiamo ragionevolmente: è possibile che si sia col tempo sviluppata una farmacoresistenza anche all'almarytm come succede con gli scoagulanti(cumadin)?
E nel caso affermativo: esiste una terapia farmacologica, una innovazione farmacologica, che consenta di tenere nel normale ritmo sinusoidale un cuore fibrillante oppure, l'unica strada percorribile, non con poche perplessità e paure, è quella dell'ablazione?
Cordialmente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Guardi, non c'e' come dice lei "assuefazione" ne' al Coumadin ne' all'alamarytm.
data tuttavia la giovane eta' della paziente conviene senz'altro pensare all'intervento di ablazione. Cordialita'. cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 172XXX

Iscritto dal 2010
Quindi non esiste terapia farmacologica innovativa rispetto ad almarytm? Ho capito bene? In TV avevamo sentito parlare del Dronedarione. In Italia non è ancora disponibile?
E nel caso di una decisione per l'intervento di ablazione:
E' sufficente intervenire una sola volta per risolvere?
E quali sono i centri specializzati in Italia?
Ringrazio
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Si il dronedarone l'ho gia' impiegato in alcuni casi ed e' un bel farmaco..e puo' assumerlo senza problemi. Ma le raccomando l'anticoagulante ...a vita.