Utente 129XXX
salve,da circa 4 anni soffro di linfoaenite suppuratica del cavo ascellare bilaterale,in questi 4 anni mi sono stati asportati 2 linfonodi chirurgicamente e ho fatto molte cure di antibiotici e vaccini senza pero' alcun risultato.
Mi sono rivolto ad un chirurgo e mi ha fatto fare l'esame colturale con antibiogramma di cui riporto i risultati di seguito:

TAMPONE PER GERMI COMUNI FISTOLA
tipo campione: tampone fistola
esito: staphylococcus haemolyticus
salve,da circa 4 anni soffro di linfoaenite suppuratica del cavo ascellare bilaterale,in questi 4 anni mi sono stati asportati 2 linfonodi chirurgicamente e ho fatto molte cure di antibiotici e vaccini senza pero' alcun risultato.
Mi sono rivolto ad un chirurgo e mi ha fatto fare l'esame colturale con antibiogramma di cui riporto i risultati di seguito:

TAMPONE PER GERMI COMUNI FISTOLA
tipo campione: tampone fistola
esito: staphylococcus haemolyticus
es.batterioscopico: numerose colonie

ESAME COLTURALE
materiale: tampone fistola
organismo: staphylococcus haemolyticus
carica batterica: numerose colonie

ANTIBIOTICI MIC-sensibilita'
acido fusidico <=0,5/sensibile
clindamicina <=0,25/sensibile
eritromicina >=8/resistente
fosfomicina >=128/resistente
gentamicina <=0,5/sensibile
levofloxacina >=0,12/sensibile
linezolid 1/sensibile
moxifloxacina <=0,25/sensibile
nitrofurantoin <=16/sensibile
penicillina G 0,25/resistente
rifampicina <=0,5/sensibile
teicoplanina 4/sensibile
tetraciclina <=1/sensibile
tobramicina <=1/sensibile
trimetoprim/sulfam <=10/sensibile
vancomicina 1/sensibile
commento fistola ascellare

Sinceramente,e per mia curiosita',non ho ancora capito bene queli siano i criteri di scelta per la cura piu'adatta ma non ho studiato medicina quindi mi affido alle mani di chi stimo e credo meriti molto per quello che fa per chi soffre.
Per questo premetto che ho tanta fiducia nei Dottori ,specialmente in quest'ultimo che mi ha dato qualche speranza di risolvere il problema finalmente.
Il Dottore dice che il piu'efficace dovrebbe essere la TEICOPLANINA e mi ha prescritto :

per sepsi ascellare bilaterale

TARGOSID 200 mg
8 fiale
1x2 al gg x 4giorni
e
degli antibiotici in compresse che decifrando la prescrizione dovrebbero essere DELARIN C
1x2 x10 giorni

detto cio',dopo tante cure antibiotiche(acumentin,klacid,minocin,linocin ecc) e vari vaccini...spero che questa sia la cura adatta ma se qualcuno potrebbe darmi un consiglio,un parere,insomma una parola in piu',che potrebbe senrvirmi anche solo per conforto e incoraggiamento gliene sarei davvero grato...
In attesa di una Vs. eventuale risposta vi lascio i miei piu cordiali saluti.
Salvatore

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Il suo Medico deve prescriverle un'antibiotico (o un'associazione di antibiotici) scegliendo tra quelli che all'antibiogramma mostrano sensibilita': e' il caso del Targosid, ma io onestamente non conosco il Deltarin: puo' darsi che ha interpretato male la scrittura? Guardi bene cosa c'e' scritto sulla ricetta, poi ci faccia sapere.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 129XXX

Iscritto dal 2009
Salve e innanzitutto grazie per la Vs risposta.In effetti ho sbagliato a interprretare il nome,e' DALACIN C compresse da 150 mg ,la cura prevedeva TARGOSID (due fiale al gg)e 10 gg di DALACIN.ho appena finito il targosid e ho la febbre e spossatezza ma i linfinodi non danno cenno di miglioramento.credete sia opportuno continuare con TARGOSID per altri giorni o iniziare le compresse di DALACIN C?
[#3] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Queste sono domande alle quali non puo' essere data risposta via internet: la prescrizione di farmaci e' prerogativa del Medico che puo' visitarla, mentre a noi non e' consentito farlo. Comunque, dato che la terapia prescrittale e' terminata, credo sia in ogni caso utile riportare i risultati, quali che siano, al suo Curante.
Cordiali saluti