Utente 759XXX
Salve,siamo preoccupati per due episodi di svenimento accaduti a nostro figlio di anni 27 pratica sport(calcio a livello dilettanti)
Primo sveninento mattina giugno 2010 alzandosi dal letto per i bisogni mattinieri,sveniva per forte dolore alle costole provocato il giorno prima da un contrasto in allenamento.
Secondo svenimento 16 settembre 2010 sempre di prima mattina alzandosi dal letto per andare in bagno e' svenuto per dolore alla caviglia procuratosi la sera prima in allenamento.
Ripresosi,gl abbiamo misurato la pressione 90/60
Lui dice che in tutti e due gli episodi nausea e svenimento sono causa del fitto dolore.
I
Il ragazzo e' svenuto solo in questi 2 episodi e sempre con dolori provocati da
incidenti da sport.
Chiediamo,e' possibile che un calo improvviso di pressione associato ad un fitta di dolore possa essere la sola causa dei due svenimenti.Ieri sera
dopo cena ha avuto un'altro abbassamento di pressione accompagnato da dolori di pancia e stomaco e tuttora avverte un stato di malessere.
Faccio presente che la sera prima il ragazzo aveva fatto allenamento con esercizi addominali.
Intanto abbiamo fatto ECG ed ecocardiografia il cardiologo esclude problemi cardiologici escludendo anche problemi di pressione bassa
in quanto il ragazzo ha una pressione nella norma.
La diagnosi:Crisi Vagale
Le chiedo un suo parere sulla diagnosi e se da lei confermata, un consiglio su come evitare queste crisi.
Ancora, essendo giovane le crisi possono essere momentanee
oppure saranno presenti nella sua vita.
Certo,della sua disponibilta' attendo sua risposta.
Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
La diagnosi di crisi vasali scatenate dal dolore è la più verosimile. Di solito questi pazienti sono già "ipervagotonici" sia dal punto di vista genetico che per un adattamento indotto dallo sport ( hanno sostanzialmente pressione e fquenza bassi). Non i sono farmaci che possano modificare questa situazione . Occorre che ai primi segni di malessere il ragazzo si sdrai, magari con le gambe alzate e che apra e chiuda continuamente le mani stringendole forte ( si chiama handgrip ed aumenta la frequenza cardiaca). L essere vagotonici non riduce la quantità di vita, può renderla semmai meno piacevole per episodi simili a quelli che il ragazzo ha già presentato. Cordialità. Cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 759XXX

Iscritto dal 2008
Salve,la ringrazio della risposta
Stamattina ho misurato la pressione al ragazzo 116/69 battiti 55 in posizione riposo.
Potrebbero i battiti bassi essere la causa di questi episodi?
Puo' continuare a fare sport-allenamenti?
Ringraziandola anticipatamente per la sua disponibilita' la saluto.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Certo che può continuare, ma tenga presente che lo sport eccessivo non fa bene ad alcun cuore. Cordialità. Cecchini
[#4] dopo  
Utente 759XXX

Iscritto dal 2008
Salve,Dottore mi scusi, ma non mi ha risposto per quanto riguarda i battiti bassi.
E se questi non sono la causa quali problemi causano.
Grazie
Ringrazindola saluto
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
E' probabile proprio che sia la bassa frequenza cardiaca che , sotto stimolo doloroso, viene accentuata. C'e' solo da imparare a conviverci, Con la frequnza cardiaca bassa sivive piu' a lungo. Allenamenti intensi accentuano ulteriormentre la bradicardia. Stia tranquillo. cecchini
www.cecchinicuore.org
[#6] dopo  
Utente 759XXX

Iscritto dal 2008
Salve, mi scusi se sono ancora a qui a fare domande,approfitto perche' lei e' il medico + simpatico e disponibile che io abbia conosciuto.
Oggi,siamo stati dal nostro medico perche' il ragazzo continua ad avere una situazione di malesssere diffuso,
soprattutto a livello intestinale.
Dopo un attenta visita,la diagnosi:per gli episodi di svenimento,crisi vagale per situazione attuale gastrointerite.
Esami del sangue e urine ritirate oggi tutto nella norma.
Come ulteriore indagine ha prescritto un holter24.
A lei chiedo, ho letto che la bradicardia puo' essere provocata anche da danni celebrali tra cui tumori al cervello.
Forse corro troppo,pero'sono preoccupata
per ovviare a questi dubbi lei ci consiglia altri esami o non e' il caso.

Mi scusi ancora ma capira'...
Grazie
[#7] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Ascolti il " ragazzo" come dice lei, ha 27 anni... E lei mi pare veramente eccessivamente preoccupata. Anche i disturbi intestinali fanno parte della ipervagotonia. Per ciò che concerne i tumori cerebrali è vero che talora si accompagnano a bradicardia, ma le assicuro che si fanno sentire con altri sintomi. In sostanza anche la febbre accompagna sia il mal di gola che tumori incurabili...ma non per questo quando un figliolo ha febbre il genitore pensa come prima causa un tumore. Cerchi di tranquillizzarsi, e penso che sarebbe il caso, semmai, che " il ragazzo" scriva di persona e non ...attraverso un genitore. Buona giornata. Cecchini.
www.cecchinicuozre.org
[#8] dopo  
Utente 759XXX

Iscritto dal 2008
Buongiorno,la ringrazio della pazienza,e disponibila'.
Pero',le voglio anche dire che per una mamma un figlio anche a 100 anni e' sempre il suo RAGAZZO.
Ancora grazie
[#9] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
È una sua rispettabile opinione. Io ho sei figli, e non penso di essere un genitore peggiore, responsabilizzandoli e rendendolo autonomi. Buona serata. Cecchini