Utente 111XXX
Sono affetta da esoftalmo distiroideo con strabismo verticale secondario sn/sx e diplopia strutturata che impone sulla p+ la soppressione meccanica (occlusione). Questo disturbo mi stà creando una vita veramente difficile, vorrei sapere se a provocare tutto questo sia stata la tiroide o il farmaco che prendo (propylthiouracile 50 mg.)L'oculista dove sono in cura dice che se non si stabilizza non mi posso operare e anche se mi opero, non è detto che risolvo. Ho 75 anni e non vorrei continuare a vivere così. Lei può dirmi se l'intervento è utile a risolvere? Aspetto risposte anche da chi ha il mio stesso problema. La ringrazio anticipatamente
[#1] dopo  
Dr. Enrico Rotondo
40% attività
0% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Buonasera, non conoscendo bene il suo caso non è possibile esprime un giudizio, posso dirle comunque che molti pazienti che ricorrono alla chirurgia orbitaria decompressiva vanno molto bene, l'importante è rivolgersi a centri di eccellenza con esperienza in questo settore.
Può rivolgersi al Prof. Stefano Sellari Franceschini, clinica otorino dell'Università di Pisa, faccia pure il mio nome.
La saluto cordialmente
[#2] dopo  
Utente 111XXX

Iscritto dal 2009
Grazie intanto per la risposta, ma non saprei come mettere in contatto il medico che mi ha indicato perchè abito a Roma. Proprio oggi sono stata sia dall'endocrinologo e poi dall'oculista che mi tiene in cura, e la cosa migliore per il momento è di togliere la tiroide, anche se i valori sono quasi normali con la cura farmacologica, così la situazione si stabilizza e dopo un mese dall'intervento tornare dall'oculista per decidere il tipo d’intervento da fare per migliorare la diplopia. Le chiedo se lei è d’accordo alla rimozione della tiroide e un secondo tempo intervenire sul muscolo dell'occhio. La ringrazio ancora per avermi ascoltato. A presto
[#3] dopo  
Dr. Enrico Rotondo
40% attività
0% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Buonasera, gentile signora non posso entrare nel merito dell'opportunità di asportare la tiroide poichè attiene ad una specializzazione non di mia competenza, se l'endocrinologo lo ha consigliato avrà degli ottimi motivi, riguardo alla tempistica (prima tiroidectomia poi correzione oftalmopatia), questo mi trova d'accordo e penso possa essere la soluzione migliore.
Cordialità